covid-19 cervello

Il Covid-19 potrebbe invecchiare il cervello di un decennio o ridurre il QI di otto punti, così suggerisce un nuovo studio. I ricercatori hanno riferito che i sopravvissuti ai casi peggiori del virus potrebbero essere a rischio di danni cerebrali duraturi. Questa cosiddetta “nebbia cerebrale” innescata dal coronavirus è già stata segnalata dai malati per settimane, anche dopo mesi il recupero dal Covid-19.

Alcune persone hanno riferito di aver perso la capacità di ricordare fatti quotidiani o di tenere una conversazione. Questo ha suscitato timori che la malattia possa avere impatti cognitivi a lungo termine, in modo simile agli effetti duraturi che gli ictus o i micro sanguinamenti hanno sul cervello. Ora lo studio – condotto da un team dell’Imperial College di Londra – afferma che il Covid-19 potrebbe avere reali “conseguenze cognitive croniche”. Il team ha analizzato le risposte al questionario di quasi 85.000 persone che si erano riprese dal virus scoprendo che i danni al cervello si sono verificati a livelli variabili a seconda della gravità della malattia.

Di coloro che hanno preso parte, 60 pazienti affetti da Covid hanno ricevuto un ventilatore, 147 sono stati ricoverati in ospedale senza ventilatore, 176 sono stati assistiti a casa a causa di problemi respiratori, 3.466 hanno avuto problemi di respirazione, ma non sono stati curati e 9.201 hanno affermato non aver avuto alcuna difficoltà a respirare. Coloro che erano in terapia intensiva o che avevano bisogno di ventilazione, hanno registrato l’equivalente di un calo di 8,5 punti nel loro QI. Questo è un calo abbastanza grande da consentire a un individuo di notare un impatto sulla propria vita quotidiana e sul proprio lavoro, avvertono gli autori.

 

Covid-19 e declino cognitivo, lo studio continua

L’autore principale Adam Hampshire, dell’Imperial College di Londra, ha affermato che i risultati “scioccanti” non si applicano solo ai pazienti che sono finiti in ospedale. Alcuni risultati positivi al virus, ma senza difficoltà respiratorie hanno anche registrato un declino cognitivo dopo la guarigione. Coloro che si sono ripresi a casa hanno subito un calo del QI di quattro punti o l’equivalente di un invecchiamento di cinque anni. Hanno anche stabilito che le differenze in altri fattori, tra cui l’età, le condizioni di salute sottostanti o l’istruzione, non potevano spiegare i deficit.

Il team, che comprendeva scienziati dell’Università di Cambridge, dell’Università di Chicago e del King’s College di Londra, ha anche scoperto che i sopravvissuti al coronavirus hanno ottenuto punteggi scarsi nei test per l’orientamento spaziale, l’elaborazione delle emozioni e il mantenimento dell’attenzione. Sono stati in grado di confrontare i risultati del test con i tempi pre-Covid perché le 85.000 persone campionate avevano già risposto alle domande nell’ambito del Great British Intelligence Test, fornendo un punto di riferimento per il QI prima della pandemia.

Lo studio afferma che i risultati dovrebbero fungere da “richiamo” per ulteriori studi su come il coronavirus colpisce il cervello. Lo studio – che non è ancora stato sottoposto a peer review – afferma che i suoi risultati supportano le preoccupazioni secondo cui “ci sono conseguenze cognitive croniche dell’avere Covid-19”. I ricercatori hanno sottolineato che qualsiasi tempo trascorso in terapia intensiva o su un ventilatore per qualsiasi malattia avrà un impatto sulla funzione cognitiva. Lo studio iniziale è stato condotto a maggio e gli autori hanno affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire quanto dura questa “nebbia cerebrale” correlata al Covid-19.

Foto di Cristian Newman da Unsplash