Covid-19 infezione

Secondo alcuni dati formali, nel Regno Unito, il rischio di contrarre il Covid-19 quando si viaggia all’estero è in forte calo o per lo meno è rimasto stabile, negli ultimi 30 giorni, rispetto quelli che sono rimasti nel paese. Precedenti iterazioni dello studio a lungo termine avevano scoperto che coloro che viaggiavano all’estero avevano tassi di positività più elevati.

Tra il 25 settembre e l’8 ottobre, solo il 3% ha viaggiato all’estero e lo 0,49% di coloro che avevano dichiarato di non averlo fatto negli ultimi 30 giorni sono risultati positivi rispetto allo 0,58% che aveva viaggiato. Questo significa che effettivamente non c’è più una differenza di rischi tra i due gruppi.

 

Covid-19, il tasso d’infezione è stabile per chi viaggia all’estero

Lo studio ha riportato le caratteristiche tra coloro che sono risultati positivi al Covid-19 ed  ha anche scoperto che le aree urbane in Inghilterra hanno tassi di positività più elevati rispetto alle aree rurali. Inoltre lo studio ha dimostrato che il 34% di coloro che sono risultati positivi non aveva sintomi quando sono stati testati. Solo il 32% di coloro risultati positivi al test aveva tosse, febbre o perdita di gusto e odore al momento del test, nonostante questi fossero tre dei principali sintomi ufficialmente riconosciuti.

Katherine Kent, co-responsabile dell’analisi ha dichiarato: “L’analisi ora mostra che, a differenza di prima, non c’è più una differenza nel tasso di infezioni tra coloro che hanno viaggiato all’estero e coloro che non lo sono“. Guardando all’intera durata del sondaggio, vediamo una percentuale abbastanza bassa di persone che risultano positive al test riporta qualsiasi sintomo al momento del test.

Foto di Free-Photos da Pixabay