Yellowstone magma

Il vulcano Yellowstone, chiamato anche Yellowstone Caldera, è il super vulcano situato nel Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti. Si estende sotto gli stati del Wyoming, Montana e Idaho e prende il suo soprannome per la sua capacità di infliggere devastazione a livello globale. Viene monitorato dall’USGS di continuo per segnalare massiccia eruzione di magma è in arrivo, qualcosa che non si verifica da più di 640.000 anni.

In un’analisi recente Robert Smith, ricercatore dell’Università dello Utah, ha fatto un enorme passo avanti nel comprendere il funzionamento del sistema vulcanico, dopo aver osservato un cambiamento del livello dell’acqua nel lago omonimo. La sua scoperta è stata rivelata dal geologo Dr Robert Christiansen durante il documentario “Inside USGS” su YouTube. Uno dei dati aggiuntivi più interessanti è arrivato dopo il primo lavoro sul campo e il completamento degli studi geologici iniziali.

 

Yellowstone, l’innalzamento della caldera potrebbe essere causata dal magma

Il ricercatore era interessato a vedere se potevamo cercare segni di deformazione contemporanea nella caldera di Yellowstone. Aveva riconosciuto alcune di queste indicazioni, in particolare nei cambiamenti nei livelli d’acqua di diverse parti del lago Yellowstone, e poiché è così grande, sentiva che c’erano indicazioni che il bacino fosse inclinato.

Per questo motivo, il livello del lago si alzava a un’estremità e scendeva dall’altra. Il dottor Christiansen ha spiegato come il suo collega ha scoperto che la caldera si stava sollevando sotto il lago Yellowstone. Ha aggiunto inoltre: “Era interessato a vedere se potevamo effettivamente misurarlo con mezzi diretti. Quindi una delle cose che ho fatto in quel momento è stata di raccogliere fondi per coinvolgere la divisione topografica USGS nella festa.Abbiamo ritenuto che con tanta deformazione quanta sembrava esserci, dovrebbero esserci cambiamenti misurabili nelle quote altimetriche del parco.”

I dati raccolti hanno dimostrato che la caldera in un periodo di tempo di 50 anni era salita a circa due terzi di metro e corrispondentemente meno altrove. Studi successivi avrebbero continuato a dimostrare che questo era un comportamento normale per Yellowstone, poiché gli scienziati osservavano periodi di sollevamento, seguiti da abbassamento.

Una super eruzione ogni 500.000 anni

Il dottor Christiansen ha aggiunto nel 2014, che si è verificato un sollevamento a forma di cupola e una quantità piuttosto spettacolare di sollevamento, indicando che il sistema magnetico era attivo. “O il magma si era intruso nella crosta o stava riscaldando il sistema idrotermale, facendolo espandere ed elevare la crosta“. Stava comunque succedendo qualcosa.

Ci sono state ulteriori indagini che hanno dimostrato che dopo un periodo di continuo sollevamento per circa un decennio, c’è stato un periodo di stabilità per circa un anno, seguito da un cedimento. Quindi ora sappiamo che la caldera di Yellowstone non sta semplicemente salendo, ma a volte ha dei movimenti con una sorta di movimento di respirazione.

La sua deformazione complessiva sembra essere inflazionistica, ma non è un tipo di cosa costante e ci sono periodi di deflazione. Uno studio recente ha anche suggerito che l’hotspot potrebbe essere attualmente in uno stato di declino. I risultati si sono basati sull’analisi di depositi vulcanici sparsi per decine di migliaia di metri nella regione. Le due super eruzioni si sono verificate durante il Miocene e portano a sei le super eruzioni per la regione in questa era, suggerendo che l’area ha subito tali eruzioni in media una volta ogni 500.000 anni.

Al contrario, negli ultimi tre milioni di anni, l’hotspot di Yellowstone ha visto solo due super eruzioni. Gli scienziati ritengono che ciò possa indicare che la frequenza di tali eventi sta rallentando notevolmente.

Foto di Adam Derewecki da Pixabay