pandemia

Quando finirà la pandemia? In tutti questi mesi, con più di 37 milioni di casi di Covid-19 e più di 1 milione di morti a livello globale, forse ti starai chiedendo, con crescente esasperazione, quanto durerà.

Dall’inizio della pandemia, epidemiologi ed esperti di salute pubblica hanno utilizzato modelli matematici per prevedere il futuro, nel tentativo di arginare la diffusione del coronavirus. Ma modellare le malattie infettive è complicato. Gli epidemiologi avvertono che “[i modelli] non sono sfere di cristallo” e anche le versioni sofisticate, come quelle che combinano previsioni o utilizzano l’apprendimento automatico, non possono necessariamente rivelare quando la pandemia finirà o quante persone moriranno.

La Storia insegna che, invece di cercare indizi, occorre guardare al passato per vedere cosa ha portato alla fine dei focolai – o no.

 

Microbi e virus che hanno fatto la storia

A che punto siamo ora nel corso della pandemia

Nei primi giorni della pandemia, molte persone si aspettavano che il coronavirus semplicemente scomparisse. Alcuni sostenevano che sarebbe scomparso da solo nella calura estiva. Altri hanno affermato che l’immunità collettiva sarebbe aumentata non appena un numero sufficiente di persone fosse stato infettato. Ma niente di tutto questo è successo.

Una combinazione di sforzi di salute pubblica per contenere e mitigare la pandemia – da test rigorosi e monitoraggio dei contatti al distacco sociale e indossare mascherine – si è dimostrata utile. Dato che il virus si è diffuso in quasi tutto il mondo, tuttavia, queste misure da sole non possono porre fine alla pandemia. Tutti gli occhi sono ora sullo sviluppo di vaccini, che viene perseguito a un ritmo senza precedenti.

Tuttavia, gli esperti ci dicono che anche con un vaccino di successo e un trattamento efficace, il Covid-19 potrebbe non scomparire mai. Anche se la pandemia è contenuta in una parte del mondo, è probabile che continui altrove, provocando infezioni. E anche se non è più una minaccia pandemica immediata, è probabile che il coronavirus diventi endemico, il che significa che la trasmissione lenta e prolungata persisterà. Il coronavirus continuerà a causare epidemie minori, come l’influenza stagionale. La storia delle pandemie è piena di esempi frustranti.

 

Una volta che le malattie sorgono, raramente finiscono

Che siano batterici, virali o parassitari, praticamente tutti gli agenti patogeni che hanno colpito le persone negli ultimi migliaia di anni sono ancora con noi, perché è quasi impossibile eliminarli completamente.

L’unica malattia debellata con la vaccinazione è il vaiolo. Le campagne di vaccinazione di massa condotte dall’Organizzazione mondiale della sanità negli anni ’60 e ’70 hanno avuto successo e nel 1980 il vaiolo è stato dichiarato la prima – e ancora l’unica – malattia umana ad essere completamente debellata.

Pertanto, le storie di successo come il vaiolo sono eccezionali. È piuttosto la regola che le malattie vengono per restare ad inquietare.

Prendiamo, ad esempio, agenti patogeni come la malaria. Trasmesso tramite un parassita, è antica quasi quanto l’umanità e porta ancora oggi un pesante fardello di malattie: nel 2018 ci sono stati circa 228 milioni di casi di malaria e 405.000 decessi in tutto il mondo. Dal 1955, programmi globali per debellare la malaria, aiutata dall’uso di DDT e clorochina, ha portato un certo successo, ma la malattia è ancora endemica in molti Paesi dell’emisfero meridionale.

 

Costante esposizione a malattie infettive emergenti

Allo stesso modo, malattie come la tubercolosi, la lebbra e il morbillo sono con noi da diversi millenni. E nonostante tutti gli sforzi, l’eradicazione immediata non è ancora in vista.

Aggiungi patogeni relativamente più giovani come l’HIV e il virus Ebola a questo mix, insieme a influenza e coronavirus, tra cui SARS, MERS e SARS-CoV-2, che causa il Covid-19, e il quadro epidemiologico generale diventa chiaro. La ricerca sul carico globale delle malattie rivela che la mortalità annuale per malattie infettive – la maggior parte delle quali si verifica nei paesi in via di sviluppo – è quasi un terzo di tutte le morti nel mondo.

Oggi, in un’era di viaggi aerei globali, cambiamenti climatici e disturbi ecologici, siamo costantemente esposti alla minaccia di malattie infettive emergenti, mentre continuiamo a soffrire di malattie molto più vecchie che rimangono vive e vegete.

Una volta aggiunti al repertorio di agenti patogeni che colpiscono le società umane, la maggior parte delle malattie infettive è destinata a restare.

 

La peste ha causato pandemie passate – e continua ad apparire

Anche le infezioni che ora hanno vaccini e trattamenti efficaci continuano a mietere vittime. Forse nessuna malattia può aiutare a illustrare questo punto meglio della peste bubbonica, la malattia infettiva più mortale nella storia umana. Il suo nome rimane sinonimo di orrore fino ad oggi.

La peste è causata dal batterio Yersinia pestis. Negli ultimi 5.000 anni si sono verificati innumerevoli focolai locali e almeno tre pandemie di peste documentate, uccidendo centinaia di milioni di persone. La più nota di tutte le pandemie è stata la peste nera della metà del XIV secolo.

Tuttavia, la Morte Nera era tutt’altro che un’esplosione isolata. La peste è tornata ogni decennio o anche più spesso, raggiungendo società già indebolite e provocando il suo tributo per almeno sei secoli. Anche prima della rivoluzione sanitaria del 19° secolo, ogni epidemia si estinse gradualmente nel corso di mesi e talvolta anni a causa di cambiamenti di temperatura, umidità e disponibilità di ospiti, vettori e un numero sufficiente di individui suscettibili.

Alcune società si sono riprese in tempi relativamente brevi dalle perdite causate dalla peste nera. Altri non l’hanno mai fatto. Ad esempio, l’Egitto medievale non è riuscito a riprendersi completamente dagli effetti persistenti della pandemia, che ha particolarmente devastato il suo settore agricolo. Gli effetti cumulativi del declino della popolazione sono diventati impossibili da recuperare. Ciò portò al graduale declino del sultanato mamelucco e alla sua conquista da parte degli Ottomani in meno di due secoli.

 

Persistenza e resilienza

Questo stesso batterio che distrugge la peste rimane con noi oggi, un promemoria della lunga persistenza e resilienza dei patogeni.

Si spera che il Covid-19 non persisterà per millenni. Ma fino a quando non ci sarà un vaccino efficace, e probabilmente anche dopo, nessuno è al sicuro. La politica qui è cruciale: quando i programmi di vaccinazione sono indeboliti, le infezioni possono ripresentarsi in pieno. Basta guardare il morbillo e la poliomielite, che ricompaiono non appena gli sforzi di vaccinazione diminuiscono.

Dati questi precedenti storici e contemporanei, l’umanità può solo sperare che il coronavirus si riveli un agente patogeno curabile ed estirpabile. Ma la storia delle pandemie ci insegna ad aspettarci il contrario.

Image by MichaelGaida from Pixabay