Covid-19 immunità

Uno studio condotto dai ricercatori del Monte Sinai ha trovato anticorpi persistenti in pazienti affetti da Covid-19, suggerendo l’immunità. Questa condizione dovrebbe durare almeno cinque mesi dopo l’infezione. Sebbene il rapporto possa sembrare confuso e contraddittorio rispetto a un rapporto simile uscito dalla Gran Bretagna di questa settimana, in realtà non lo è. C’è più di un’ondata di controllo delle infezioni nel corpo umano.

I corpi delle persone producono un esercito di composti immunitari in risposta a un’infezione e alcuni all’inizio sono travolgenti, morendo rapidamente, mentre altri si accumulano più lentamente. Le misurazioni che mostrano una risposta anticorpale in calo nei primi mesi dopo l’infezione potrebbero misurare questa prima ondata, ma c’è un secondo team che sta costruendo le sue forze in background.

 

Covid-19, l’immunità dopo l’infezione dura per mesi

Il nuovo rapporto mostra che il 90% delle persone che guariscono dalle infezioni da Covid-19 mantengono una risposta anticorpale complessiva stabile. “Più del 90% delle persone che erano lievemente o moderatamente malate produce una risposta anticorpale abbastanza forte da neutralizzare il virus, e il la risposta è mantenuta per molti mesi“, ha detto in una dichiarazione Florian Krammer, professore di vaccinologia, che ha guidato il team di studio.

Il team ha esaminato le risposte anticorpali di oltre 30.000 persone risultate positive al Covid-19 presso il sistema sanitario del Monte Sinai tra marzo e ottobre. Hanno caratterizzato le loro risposte anticorpali come basse, moderate o alte. Più del 90% aveva livelli, o titoli, da moderati ad alti, di anticorpi contro la proteina spike del virus, la struttura che utilizza per afferrare le cellule che infetta. Hanno quindi studiato da vicino 121 pazienti che si sono ripresi e hanno donato il plasma, una volta tre mesi dopo che avevano sviluppato i primi sintomi e di nuovo cinque mesi dopo.

 

Anticorpi, protezione del sistema immunitario

Gli anticorpi non sono l’unica protezione del sistema immunitario contro le infezioni, ma rappresentano un’importante prima linea di difesa. Sarebbe molto meglio sbarazzarsi della pandemia se le persone sviluppassero un’immunità permanente al virus dopo un’infezione. E, naturalmente, l’immunità sarebbe vitale affinché un vaccino funzioni bene.

Il prossimo passo importante, hanno detto, sarà stabilire quelli che sono noti come correlati di protezione. Questi sono composti che possono essere misurati nel sangue che diranno ai medici se qualcuno è immune, quindi non sarà necessario aspettare e vedere se vengono infettati di nuovo dopo un incontro o dopo aver ricevuto un vaccino.

Foto di healthguru da Pixabay