Covid-19 mutazione comune

La maggior parte dei ceppi di Covid-19 ha subito una mutazione specifica che li rende più contagiosi e trasmissibili, tanto da predominare a livello globale. Ora il 99,9% dei ceppi circolanti nello studio presenta la mutazione D614G sulla proteina spike. Inoltre, le persone infettate da questo ceppo hanno cariche virali rinofaringee più elevate al momento della diagnosi.

Questa mutazione non era associata a una peggiore gravità clinica del Covid-19. Inoltre, non si prevede che la mutazione interferisca con l’efficacia dei cocktail di anticorpi, delle terapie a piccole molecole o dei vaccini in fase di sviluppo. Questo virus muta molto più lentamente dell’HIV , ad esempio, dando ai ricercatori una maggiore possibilità di rimanere un passo avanti, ha detto il dott. Ilya Finkelstein, l’autore dello studio.

 

Covid-19, la mutazione più comune lo rende più contagioso

La ricerca è stata possibile grazie ai ricercatori dell’Houston Methodist Hospital  che hanno sequenziato il genoma di 5.085 ceppi di SARS-CoV-2 all’inizio dell’epidemia e durante una seconda ondata di infezione durante l’estate. I dati includono anche informazioni da plasma, plasma convalescente e risultati dei pazienti.

Lo studio di una popolazione ampia e diversificata in una grande area metropolitana come Houston aiuta a creare una “impronta molecolare” per il virus che continuerà ad essere molto utile. D614G è stata la sostituzione genetica più comune trovata dai ricercatori, comparendo nell’82% dei ceppi Covid-19 durante la prima ondata. La proporzione con questa mutazione è balzata al 99,9% dalla seconda ondata.

La presenza della mutazione durante la prima ondata è stata indipendentemente associata ai giorni di ventilazione meccanica, alla durata complessiva della degenza e alla durata della degenza in terapia intensiva. Tuttavia, non è stato associato a differenze significative nei risultati dei pazienti. La mutazione D614G è ora così comune in tutto il mondo che questi virus sono considerati ceppi di riferimento. I ricercatori ritengono che D614G predomini perché aumenta la capacità della proteina spike di aprire le cellule affinché il virus possa entrare.

Foto di Olga Lionart da Pixabay