seconda-ondata-cina

Il principale specialista in malattie infettive in Cina ritiene improbabile una seconda ondata di infezioni da nuovo coronavirus nel Paese, in un momento in cui i casi sono in aumento in diversi paesi europei. Zhong Nanshan ha affermato in una conferenza che, sebbene la Cina continui a combattere epidemie sporadiche, i controlli esistenti marcano come “improbabile” la possibilità che ci sia una diffusa ripresa della trasmissione.

Abbiamo accumulato un’esperienza inestimabile. Il governo centrale ha adottato una strategia per bloccare la diffusione all’epicentro, praticando metodi di prevenzione di massa altrove“, ha detto. “Questa è la chiave per la nostra vittoria decisiva“, ha detto.

 

La strategia cinese

La Cina ha adottato misure severe per controllare un’epidemia a Kashgar, isolando la città, che si trova nello Xinjiang, nell’estremo nord-ovest del Paese, e testando 4,75 milioni di persone in tre giorni. Lo Xinjiang ha registrato fino ad oggi 54 casi confermati. La prima infezione di questo focolaio, la più recente nel Paese, è stata segnalata il 24 ottobre, di origine sconosciuta.

Nella provincia nord-orientale dello Shandong, le autorità stanno cercando di analizzare un lotto di maiale congelato importato dal Brasile, dopo la scoperta, giovedì scorso, di tracce del coronavirus in un pacco. Lo screening è diventato un’altra strategia importante per il controllo della malattia in Cina. Domenica, più di ottomila campioni di prodotti e imballaggi, oltre a dipendenti che potrebbero aver maneggiato merce importata dal Brasile, sono stati testati dalle autorità della città di Yantai. I risultati sono stati tutti negativi, secondo le autorità.

I clienti di una steakhouse e gli acquirenti del mercato della carne vicino a Weihai, dove è andata parte del maiale, sono stati invitati a eseguire il test degli acidi nucleici sabato. Sebbene scienziati stranieri abbiano espresso dubbi sul fatto che i cibi congelati possano causare infezioni, i ricercatori del Beijing Disease Control and Prevention Center e dell’Accademia cinese delle scienze mediche hanno pubblicato ad ottobre risultati che collegano il salmone importato a Pechino in giugno il riverbero dell’epidemia che ha coinvolto 335 casi.

Zhong ha detto che la Cina continuerà a convivere con questi focolai “sporadici e che non dovrebbe allentare le misure per prevenire l’epidemia. “L’attuale ambiente in Cina è sicuro adesso, ma questo è stato ottenuto con difficoltà“, ha detto.

La pandemia di Covid-19 ha già causato oltre 1,2 milioni di morti e oltre 46,4 milioni di casi di infezione in tutto il mondo. In Europa, diversi Paesi stanno introducendo misure di reclusione e distanziamento sociale più rigorose con l’aumento delle infezioni. Gli Stati Uniti hanno raggiunto un record di 100.000 nuove infezioni al giorno.

La Cina non è la sola nel Pacifico a riuscire a contenere il virus. Anche Corea del Sud, Nuova Zelanda e Taiwan hanno registrato strategie di successo. La scorsa settimana, Taiwan ha superato il traguardo dei 200 giorni senza nuovi casi, escluse le importazioni.

Image by Eric Manzi from Pixabay