covid-19 influenza stagionale

La pandemia da Covid-19 riempie e cambia le nostre vite. L’influenza stagionale annuale ha portato ancora più rischi alla pandemia di coronavirus. Sappiamo che le due malattie hanno delle caratteristiche in comune e sapere cosa le differenzia potrebbe aiutare i servizi sanitari a intervenire tempestivamente sul paziente.

Il NHS ha avvertito che le persone hanno il doppio delle probabilità di morire se si soffre di influenza e Covid-19 allo stesso tempo. L’influenza stagionale si adatta a un nuovo ceppo ogni anno, il che significa che le persone più vulnerabili ai suoi effetti sono esortate a sottoporsi ogni anno a un vaccino antinfluenzale per proteggerla.

 

Covid-19 e influenza stagionale, quali sono le differenze?

Ci sono molte somiglianze tra Covid-19 e influenza ed entrambi possono essere mortali per gli anziani e quelli con condizioni mediche preesistenti maggiormente a rischio delle peggiori complicanze. Un legame tra l’influenza stagionale e il Covid-19 è che si diffondono attraverso goccioline dalla bocca o dal naso, quindi è necessario l’utilizzo di rivestimenti per il viso per ridurre la diffusione.

Tuttavia ad essere differente è il tasso di trasmissione, rendo il Covid-19 più pericoloso e contagioso. Mentre stiamo ancora imparando a conoscere il nuovo virus e come colpisce gli scienziati hanno identificato alcune differenze chiave nei sintomi, nella trasmissione e nel comportamento del Covid-19, rispetto all’influenza stagionale. Il NHS esorta le persone a ricevere un vaccino antinfluenzale per alleviare la necessità di cure ospedaliere quest’inverno.

Conoscere le differenze tra la solita malattia e il coronavirus ci aiuterà a sapere cosa potresti aver preso e quale azione dovresti intraprendere. Ecco quattro modi in cui Covid-19 differisce dall’influenza stagionale.

 

1. Nessuna immunità umana del Covid-19

Non si ha ancora un vaccino per Covid-19 mentre ogni anno il NHS offre un nuovo antinfluenzale che combatte l’ultimo ceppo stagionale. Gli scienziati affermano che Covid-19 si diffonde più facilmente dell’influenza stagionale e la mancanza di immunità è un fattore importante nel suo pericolo.

Il professor Linsey Marr, avverte che la mancanza di immunità al Covid-19 nelle popolazioni porta a eventi cosiddetti “super-spargitori“. Il professor Marr ha spiegato come più persone in una determinata stanza hanno maggiori probabilità di contrarre il covid-19 rispetto all’influenza.

Ciò è dovuto alla mancanza di immunità nella popolazione piuttosto che alla natura del virus stesso. Quindi la corsa alla ricerca di un vaccino per Covid-19 è di vitale importanza per combattere il virus ora e in futuro, come facciamo già con l’influenza stagionale.

 

2. L’essere asintomatico

Il Covid-19 e l’influenza condividono diversi sintomi, tra cui una febbre alta e una tosse. Entrambi potrebbero vederci provare una tosse secca e con Covid-19 la tosse sarebbe persistente. Mentre le persone con l’influenza spesso soffrono di mal di testa e perdita di appetito. Tuttavia gli scienziati hanno scoperto all’inizio della pandemia che alcune persone possono prendere e trasportare Covid-19 senza mostrare alcun sintomo.

Questo è un altro motivo per cui il coronavirus si diffonde più ampiamente e più rapidamente dell’influenza stagionale. Se qualcuno non ha idea di avere il virus allora non si autoisolerà o eviterà le persone, nel senso che lo diffonderanno inconsapevolmente. Alcuni scienziati hanno persino suggerito che circa il 40-50% delle persone che contraggono il Covid-19 sono asintomatiche. Ci sono alcuni casi di influenza in cui le persone non hanno mostrato sintomi, ma una differenza fondamentale è che il “periodo di incubazione” per Covid-19 è più lungo.

Sappiamo che il tempo di incubazione del Covid-19 e la comparsa dei sintomi è di 14 giorni a differenza dell’influenza che avviene entro 3 giorni. Ciò significa che la finestra per diffondere l’influenza ad altri è molto più breve. La carica virale dell’influenza non tende a manifestarsi finché i sintomi non sono visibili. Tuttavia con Covid-19, questo potrebbe richiedere fino a due settimane.

 

3. Diffusione virale più elevata

Il prof Marr ha sottolineato come qualcuno che ha contratto l’influenza stagionale la diffonderà in media a 1,3 altre persone. Tuttavia con il Covid-19, questa diffusione virale è quasi doppia, a 2,5 persone. Un esempio di super-diffusione è stato quello della Casa Bianca, quando il dottor Anthony Fauci ha rivelato che almeno 11 persone hanno contratto il virus.

La squadra di Donald Trump ha trascurato di indossare maschere durante la pandemia e all’evento della Casa Bianca di settembre abbiamo visto come il Covid-19 può diffondersi a più di 10 persone in un evento. il prof Marr lo sostiene, sottolineando come il successo della distanza sociale e l’uso corretto dei rivestimenti per il viso rendano più difficile la diffusione di Covid a un tasso di 2,5.

 

4. La trasmissione del Covid-19 è diversa nei bambini rispetto agli adulti

I bambini mostrano sintomi Covid-19 diversi rispetto agli adulti, confermando altri studi che suggeriscono che la trasmissione del virus è diversa per bambini e adulti. L’Organizzazione mondiale della sanità ha già affermato che i bambini sono importanti motori della trasmissione del virus dell’influenza nella comunità.

Per il virus Covid-19, i dati iniziali indicano che i bambini sono meno colpiti degli adulti e che i tassi di attacchi clinici nella fascia di età 0-19 anni sono bassi. L’OMS ha anche ricordato che, quando si parla di influenza stagionale, i bambini sono più a rischio di sviluppare infezioni gravi.

I bambini di età inferiore ai 6 mesi sono a maggior rischio di gravi complicazioni influenzali a causa del loro sistema immunitario meno sviluppato e più fragile e del fatto che sono troppo piccoli per ricevere il vaccino antinfluenzale.

Foto di mohamed Hassan da Pixabay