Lavoro soddisfazione

Un rapporto dell’Università di Houston rivela che l’interesse per un lavoro non ha importanza quando si tratta di soddisfazione del lavoro stesso. L’interesse si adatta in modo significativo a predire la soddisfazione, ma non è un rapporto così forte come le persone si aspettano.

Per giungere a queste conclusioni il team ha esaminato sistematicamente i dati di 65 anni di ricerca condotta tra il 1949 e il 2016 sul legame tra adattamento degli interessi e soddisfazione sul lavoro. Hanno esaminato 105 studi con 39.602 partecipanti.

 

La ricerca di un lavoro è associato alla soddisfazione

La ricerca indica anche che la relazione tra adattamento degli interessi e prestazioni lavorative è più critica del collegamento alla soddisfazione. “L’interesse per il proprio lavoro sembra più importante per le prestazioni lavorative e le conseguenze a valle di un buon rendimento, come aumenti o promozioni“, ha affermato Hoff, autore dello studio.

L’uso degli interessi professionali per prevedere la soddisfazione sul lavoro risale agli anni ’40, quando le valutazioni degli interessi furono descritte per la prima volta come uno strumento per aiutare le persone a scoprire un lavoro soddisfacente. I risultati mostrano che le persone che sono più interessate al proprio lavoro tendono ad essere leggermente più soddisfatte, ma le valutazioni degli interessi sono più utili per guidare le persone verso un lavoro in cui avranno prestazioni migliori e guadagneranno di più.

 

Soddisfazione lavorativa

La soddisfazione lavorativa racchiude la congruenza tra interessi personali e mansione, le sensazioni sperimentate nel poter utilizzare al meglio le proprie competenze, la visione personale dell’azienda, la possibilità di costruire una propria identità personale e professionale, che incidono sul suo modo di relazionarsi con la struttura e di affrontare il compito lavorativo.

È perciò di fondamentale importanza dare al lavoratore la possibilità di utilizzare le proprie risorse, competenze e abilità di esprimere sé stesso, favorire le relazioni inter e intra gruppi, al fine di alimentare l’essenza stessa dell’individuo nel contesto lavorativo di appartenenza e quindi la sua auto realizzazione. La persona soddisfatta emana e trasmette entusiasmo, ha voglia di fare e si impegna in ciò in cui crede: il successo non sta solo in quanto si ottiene, ma in ciò che si riesce a costruire in sé.

Ph. Credit: Università di Houston