riso lignaggi materni

I ricercatori che studiano il patrimonio genetico di migliaia di varietà di riso hanno identificato solo due distinti lignaggi materni, tale scoperta potrebbe aiutare ad affrontare il problema della sicurezza alimentare globale. Gli scienziati dell’Università del Queensland hanno studiato più di 3000 genotipi di riso e hanno scoperto che la diversità è stata ereditata attraverso due genomi materni identificati in tutte le varietà di riso.

Il professor Robert Henry ha riferito che la scoperta è stata importante per capire come il riso si è adattato al suo ambiente. “Pensiamo che ci fossero due addomesticamenti separati di piante selvatiche vergini che divergevano circa un milione di anni fa in natura, e poi negli ultimi 7000 mila anni si è verificato l’addomesticamento umano del riso”, ha detto il professor Henry.

 

Scoprire l’evoluzione del riso attraverso il suo pool genetico

Le due varietà domestiche si sono incrociate con i risi selvatici locali in tutta l’Asia. “Il riso selvatico ha impollinato i risi domestici piantati nelle vicinanze e il seme della varietà domestica ha poi incorporato la genetica delle varietà selvatiche locali”, ha detto. “Il lignaggio materno viene preservato tramite il seme e abbiamo identificato che poiché i coltivatori di riso hanno e continuano a raccogliere i semi dal campo, le varietà locali diventano molto simili ai risi selvatici locali”.

Il professor Henry ha dichiarato che la scoperta ha avuto implicazioni per l’addomesticamento del riso e l’allevamento per l’adattamento ai cambiamenti climatici per affrontare la sicurezza alimentare. “Ci dà indizi su come potremmo cercare di catturare una maggiore diversità in natura e portarla nel pool genetico addomesticato per migliorare le colture di riso”, ha detto. “Indica anche la necessità di comprendere il significato del genotipo materno in termini di prestazioni del riso perché in precedenza non avevamo capito che esistono due tipi funzionali materni molto distinti”.

Il riso è l’alimento base di oltre la metà della popolazione mondiale ed è la terza coltura agricola mondiale, con oltre 630 milioni di tonnellate prodotte ogni anno. “Ora abbiamo una collaborazione continua con i matematici per cercare di trovare un modo per analizzare i dati sul riso in modo più dettagliato, vogliamo esaminare le relazioni tra molti sottogruppi diversi”, ha detto il professor Henry. “Ciò includerebbe l’esame di come si relazionano realmente Basmatis e Japonicas e i vari tipi di riso”.

Foto di ImageParty da Pixabay