vaccini conservazione

I virus nei vaccini, che addestrano le nostre cellule a identificare e sconfiggere gli invasori virali, devono essere mantenuti freddi per evitare che esplodano. La temperatura di spedizione tipica per i vaccini varia da 2 a 8 gradi Celsius. Un nuovo studio dell’Università del Massachusetts, ha sviluppato un modo per imitare l’ambiente del corpo nei vaccini utilizzando un processo chiamato coacervazione complessa.

Piuttosto che fare affidamento sulla refrigerazione, viene utilizzato l’altro metodo per mantenere i virus stabili: l’affollamento. Come le proteine, i virus si sviluppano quando fa caldo o c’è spazio per muoversi. Il calore fornisce energia ai virus per scuotersi e non essere affollati dà loro la possibilità di cadere a pezzi. I vaccini stabili hanno bisogno di freddo o di affollamento.

 

Un nuovo metodo di conservazione dei vaccini

Per mantenere stabili i virus nei vaccini, tutti lungo la catena di approvvigionamento, dallo stabilimento di produzione alla compagnia di spedizioni allo studio medico, devono mantenere la temperatura fredda. Se un vaccino viene mantenuto al di sopra di tale intervallo di temperatura anche per un’ora, potrebbe rovinarsi e diventare inutilizzabile.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che fino al 50% dei vaccini vengono sprecati ogni anno perché la catena del freddo e la temperatura ideale per la conservazione non possono essere mantenute. Il team usa proteine ​​sintetiche che hanno cariche positive o negative. Quando questi caricati vengono messi in soluzione, si uniscono e formano una fase liquida separata, un processo chiamato coacervazione complessa. Il liquido avvolge i capsidi virali, tenendo insieme il materiale virale.

La coacervazione complessa funziona per i virus non avvolti, che non hanno uno strato lipidico o grasso intorno a loro. I virus senza involucro includono la poliomielite, il rinovirus e l’epatite A. I ricercatori hanno ricevuto una borsa di ricerca per lo sviluppo di 400.000 dollari nel marzo 2020 dal National Institutes of Health per continuare la loro ricerca fino all’inizio del 2022. Ciò include l’esplorazione di modi per ridurre le concentrazioni di sale utilizzato nel vaccino per rompere la fase di coacervazione quando si viene iniettato alterando le sequenze peptidiche.

Inoltre si vorrebbe utilizzare questa tecnica anche per i virus avvolti, come quello del Covid-19, che richiedono un equilibrio di tenuta e compartimentazione nello strato lipidico in un modo in cui i virus non avvolti non lo fanno. Man mano che la barra di conservazione dei vaccini si espande, la ricerca mostra che le proteine ​​presenti in natura migliorano i nostri vaccini e li rendono più ampiamente accessibili in tutto il mondo, refrigerati o meno.

Foto di RF._.studio da Pexels