futuro incerto noradrenalina

La pandemia Covid-19 ha fatto precipitare tutti noi in uno stato di incertezza. In una situazione in rapida evoluzione in cui è difficile sapere cosa accadrà dopo, prendere decisioni può essere difficile. I ricercatori di un nuovo studio hanno idealizzato un modello semplificato di questa incertezza in laboratorio per capire al meglio la risposta del nostro cervello.

Hanno scoperto che quando le situazioni sembrano stabili, tendiamo a fare affidamento sulle nostre esperienze precedenti per aiutarci ad anticipare ciò che accadrà in futuro. Ma quando il mondo è instabile, il nostro cervello può lasciar andare queste aspettative e consentire un rapido apprendimento. A moderare queste due situazioni ci pensa la noradrenalina, una sostanza chimica del nostro cervello.

 

Futuro incerto, arriva in aiuto la noradrenalina

Lo studio ha testato gli effetti del propranololo, un farmaco usato per ridurre l’ansia e la pressione sanguigna, su come le persone rispondevano a situazioni stabili e a quelle mutevoli. Il propranololo blocca l’azione della noradrenalina. “L’adattamento a situazioni incerte ci aiuta a sopravvivere. Quando accade qualcosa di inaspettato, dobbiamo decidere se è una tantum e ignorarlo, o se continuerà a succedere – nel qual caso potremmo trarre vantaggio dal fare le cose in modo diverso“, ha affermato la dott.ssa Rebecca Lawson, autrice dello studio.

I partecipanti allo studio sono stati sottoposti a sentire suoni e ad associare determinate immagini. Impararono rapidamente a prevedere l’immagine che avrebbero visto a seconda del suono che avrebbero sentito prima che apparisse. L’associazione tra particolari suoni e immagini è stata quindi modificata a intervalli casuali, aumentando l’incertezza e richiedendo ai partecipanti di apprendere rapidamente nuove associazioni.

 

Riconoscere la fonte della loro ansia e gestirla meglio

Coloro che hanno ricevuto il propranololo hanno fatto affidamento sul suono in misura maggiore quando l’incertezza era alta. Ciò suggerisce che il farmaco rende le persone più propense a fare affidamento sulle loro aspettative, sulla base di esperienze precedenti, di fronte all’incertezza per ridurre i sentimenti di ansia. “Abbiamo scoperto che una sostanza chimica del cervello chiamata noradrenalina gioca un ruolo nella nostra incapacità di prevedere il futuro quando lo stato del mondo è volatile“, ha detto Lawson.

Di fronte all’incertezza, le persone che assumevano il farmaco anti-ansia hanno mostrato una maggiore dipendenza dall’esperienza passata per informare il loro comportamento, erano meno influenzate dai cambiamenti nel loro ambiente che contraddicevano quell’esperienza. Il team prevede di estendere la propria ricerca per cercare di capire come le persone apprendono in condizioni di incertezza. A lungo termine, questo potrebbe aiutare le persone con autismo e ansia a riconoscere la fonte della loro ansia e gestirla meglio.

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay