Covid-19 screening

in un nuovo studio, i controlli della temperatura e gli screening dei sintomi del Covid-19, si sono rivelati inadeguati per individuare l’infezione e prevenire le epidemie. Uno studio ha scoperto che, nonostante le misure rigide prese da un gruppo della marina prima di iniziare l’addestramento, le reclute diffondevano il virus ad altri anche se quasi nessuna di loro aveva sintomi. Nessuna delle infezioni è contratta attraverso lo screening dei sintomi.

Lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha implicazioni per college, prigioni, impianti di confezionamento della carne e altri luoghi che si affidano a questo tipo di screening per rilevare infezioni e prevenire focolai. Sebbene tutto il mondo si sia e si sta ancora impegnando per migliorare queste misure, il loro funzionamento sembra non svolgere il compito che gli assegnato.

 

Covid-19, gli screening non sono efficaci nel prevenire il virus

Lo studio ha coinvolto 1.848 reclute marine, circa il 90% dei quali uomini, a cui fu detto di isolarsi per due settimane a casa, poi in una quarantena militare controllata in un campus universitario chiuso, per altre due settimane.

Ciò includeva avere un solo compagno di stanza, indossare maschere, tenere almeno 2 metri di distanza e fare la maggior parte degli allenamenti all’aperto. Hanno anche avuto febbre quotidiana e controlli dei sintomi. Le reclute sono state sottoposte a controlli Covid-19 quando sono arrivate per la quarantena militare e 7 e 14 giorni dopo.

Circa l’1% è risultato positivo all’arrivo e solo uno ha avuto sintomi. Un altro 2% è risultato positivo durante le due settimane di quarantena militare e solo quattro hanno manifestato sintomi. Questo è un virus davvero infettivo. È davvero necessario utilizzare una combinazione di buone misure di salute pubblica, controlli della temperatura, indossare maschere, allontanamento sociale e test completi.

Uno studio separato riporta uno scoppio della scorsa primavera sulla portaerei USS Theodore Roosevelt. Tra l’equipaggio di 4.779 persone, per lo più giovani, 1.271 sono contagiati; Il 77% non ha mostrato sintomi al momento della diagnosi e il 45% non ne ha mai sviluppato. Il caso mostra che persone giovani e sane possono contribuire alla diffusione dell’infezione nella comunità, spesso in silenzio, ha scritto il dottor Nelson Michael.

Foto di Martin Lopez da Pexels