alghe-dinosauri

Piccole piante oceaniche apparentemente innocue sono sopravvissute all’oscurità causata dall’impatto che ha decimato i dinosauri 66 milioni di anni fa. E lo hanno fatto imparando a mangiare altre creature viventi. Grandi quantità di detriti, fuliggine e aerosol furono lanciati nell’atmosfera terrestre quando un grande asteroide è collassato con il nostro pianeta, facendolo precipitare nell’oscurità, raffreddando il clima e acidificando l’oceano.

Insieme ai grandi dinosauri e rettili che vivevano nell’oceano, le specie di alghe dominanti furono immediatamente spazzate via – ad eccezione di un raro tipo di queste piante. Un team internazionale di scienziati, con la partecipazione di specialisti di Regno Unito, Francia e Stati Uniti, ha condotto una nuova indagine per capire come questo tipo di alghe sia riuscito a prosperare in un ambiente così ostile da portare a un’estinzione di massa attraverso quasi l’intera catena alimentare.

Questo evento è stato molto vicino a uccidere tutta la vita multicellulare su questo pianeta, almeno nell’oceano (…). Se le alghe fossero perite, che erano la base della catena alimentare, tutto il resto sarebbe morto“, ha spiegato il geologo dell’Università di California e coautore dello studio Andrew Ridgwell. “Volevamo sapere come gli oceani della Terra hanno evitato questa destinazione e come il nostro moderno ecosistema marino si è evoluto di nuovo dopo queste catastrofi“.

 

Uno studio in cerca di risposte

Per trovare le risposte, il team ha analizzato fossili ben conservati delle alghe sopravvissute e ha creato modelli informatici dettagliati per simulare la probabile evoluzione delle abitudini alimentari di questi esemplari nel tempo.

La maggior parte dei fossili aveva scudi fatti di carbonato di calcio con alcuni fori. Questi fori indicano la presenza di flagelli, strutture simili a code che consentono ai piccoli organismi di nuotare. “L’unico motivo per cui devi muoverti è catturare la tua preda” , ha detto Ridgwell.

Secondo gli scienziati, queste alghe si nutrivano di altri organismi viventi attraverso la fotosintesi per sopravvivere, in un fenomeno chiamato mixotrofia. Ci sono attualmente pochi organismi terrestri con questa capacità.

Secondo lo studio, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica Science Advances, dopo che l’oscurità causata dall’asteroide si diradò, queste alghe mixotrofiche espansero dalle aree della piattaforma costiera all’oceano aperto. In mare aperto, sono diventati una forma di vita dominante per un milione di anni, aiutando a ricostruire rapidamente la sedia del cibo. “I risultati illustrano l’estrema adattabilità del plancton oceanico e la sua capacità di evolversi rapidamente“, ha concluso Ridgwell.

Image by Kerstin Riemer from Pixabay