nutrizione cervello

Il disturbo affettivo stagionale è un tipo di depressione caratterizzato dal cambiamento delle stagioni. Ciò significa che i sintomi possono durare da quattro a cinque mesi all’anno. Mentre alcune persone lo sperimentano in estate, è più spesso associato all’inverno. Tuttavia ultimamente, si parla di una potenziale misura preventiva, qualcosa forse così ovvio da essere stato trascurato: il cibo.

Quindi ciò che mangiamo, la nostra nutrizione contribuisce a mantenere il nostro cervello e il nostro corpo sani. Molti studi affermano che alcuni determinati cibi alleviano il nostro stato d’animo. La ricerca indica che esiste un forte legame tra nutrizione e salute mentale. Ma non esiste un alimento che risolverà il problema.

 

Cervello, la nostra nutrizione potrebbe aiutarci a mantenerlo sano

Michael Berk è coautore di uno studio ormai influente sul possibile impatto terapeutico dei cambiamenti nella dieta sulla depressione da moderata a grave. Lo studio “SMILEs” ha indicato che la dieta è una strategia utile e tre studi hanno replicato con successo i suoi risultati. Indipendentemente da ciò, Berk sottolinea “non esiste un super alimento o un super integratore“.

Il principale malinteso che le persone hanno è che ci sia un solo superalimento o integratore che risolverà questo problema“, dice Berk. Lo studio SMILEs si è basato su una dieta mediterranea modificata, che comprende 12 gruppi alimentari chiave. Questi includono cereali integrali, verdure, pesce e olio d’oliva. I cibi “extra“, come le carni lavorate e le bevande zuccherate, erano limitati a non più di tre a settimana.

La scelta della dieta mediterranea non è stata un atto casuale. Studi precedenti suggeriscono che può proteggere contro lo sviluppo di sintomi depressivi nelle persone anziane e una stretta aderenza è associata a un minor rischio di essere diagnosticati con depressione. La chiave è una dieta sana e completa che sia in gran parte non trasformata, eviti i grandi alimenti trasformati industriali, ed è in gran parte a base vegetale e fresca.

 

Malintesi sull’efficacia della dieta vegana

L’assunzione di micronutrienti è essenziale per una salute mentale ottimale” perché vitamine e minerali servono come cofattori importanti nella produzione di neurotrasmettitori. Una carenza di micronutrienti, come la vitamina D e il magnesio, può causare una neurotrasmissione anormale con il potenziale di portare a malattie mentali.

Holton osserva che i cibi ricchi di magnesio sono particolarmente importanti per le persone che soffrono di disturbi d’ansia, quindi i cibi ricchi di magnesio sono utili per combattere la cattiva salute mentale. Questi alimenti includono semi, noci, salmone e grano saraceno. Al momento non ci sono prove sufficienti per utilizzare la “supplementazione di nutrienti” come un singolo intervento per il SAD e ipotizzano che un approccio combinato potrebbe essere la chiave.

Una svolta forse inaspettata da considerare: Holton dice che uno dei più grandi malintesi che incontra è l’idea che una dieta vegana possa aiutare una condizione di salute mentale. Tuttavia, molti dei nutrienti che si ritiene contribuiscano a una salute mentale ottimale, come la vitamina D3 e B12, si trovano solo negli alimenti di origine animale.

Foto di Adonyi Gábor da Pexels