covid-19 bambini

Una nuova ricerca effettuata dall’organizzazione pediatrica PEDSnet rivela che i bambini neri, asiatici e ispanici malati di Covid-19 stanno riscontrando sintomi più gravi rispetto gli altri bambini. Secondo lo studio la malattia colpisce più duramente i bambini che vivono in povertà e i malati di tumore e diabete.

L’analisi sottolinea anche come i bambini abbiano meno probabilità di contrarre il virus rispetto agli adulti. Circa 1 bambino su 25 nello studio (o il 4% degli oltre 135.000 partecipanti) è risultato positivo. I risultati dell’organizzazione sono stati pubblicati su JAMA Pediatrics. Il rapporto si basa sui dati delle cartelle cliniche elettroniche dei bambini che sono stati testati per le infezioni dal virus SARS-CoV-2 dal 1 ° gennaio all’8 settembre 2020.

Come gli studi precedenti, più piccoli, questi dati mostrano che i bambini hanno meno probabilità di risultare positivi al test e meno probabilità di soffrire di malattie gravi quando vengono infettati. I pazienti di razza/etnia afro-americana, ispanica e asiatica avevano meno probabilità di essere sottoposti a test rispetto ai bambini bianchi. Tuttavia, avevano da due a quattro volte più probabilità di risultare positivi.

Gli adolescenti e i ragazzi avevano maggiori probabilità di risultare positivi rispetto ai bambini più piccoli. Il cancro, il diabete (tipi 1 e 2) e altre condizioni di soppressione immunitaria erano indicatori di un aumento del rischio di malattia grave. Ma i bambini con asma non sono risultati a maggior rischio di malattie gravi. Tra i 5.374 bambini risultati positivi, circa 1 su 14 (o 7%) ha richiesto il ricovero ospedaliero. Tra i ricoverati, il 28% necessitava di terapia intensiva e il 9% di ventilazione meccanica. Dei bambini ricoverati, otto sono morti. (Questo è un tasso di mortalità del caso dello 0,2%.)

 

Uno studio incompleto

Nonostante gli interessanti risultati, lo studio di PEDSnet ha dei limiti. Questo non includeva bambini che erano stati infettati o potenzialmente uccisi da Covid-19 a causa della mancanza di disponibilità di test. Probabilmente sottostima il numero effettivo di bambini infetti asintomatici in tutto il paese e non affronta il rischio che quei bambini potrebbero aver presentato per gli adulti. Lo studio inoltre non fornisce informazioni sulle conseguenze a lungo termine di una nuova infezione da coronavirus.

Infine, lo studio richiama l’attenzione anche sulla natura caotica dei primi giorni della pandemia e su come gli esperti hanno affrontato una delle complicazioni più gravi che colpiscono i bambini. All’inizio, ai bambini che hanno avuto gravi reazioni infiammatorie dannose per il cuore è stata diagnosticata la malattia di Kawasaki, una condizione molto rara con cause in gran parte sconosciute.

Quando i medici hanno notato differenze tra i nuovi casi e quelli più vecchi, la diagnosi si è trasformata in una malattia simile a quella di Kawasaki. Da allora si è evoluta in “sindrome infiammatoria multisistemica dell’infanzia” (MIS-C). L’analisi è stata finanziata dal Patient-Centered Outcomes Research Institute, un’organizzazione no profit creata attraverso l’Affordable Care Act (noto anche come Obamacare).

Foto di Manuel Darío Fuentes Hernández da Pixabay