Google Assistant fitbit

Circa un anno fa, Google ha firmato un accordo per acquisire Fitbit e quindi creare una propria linea di dispositivi indossabili. Anche se questa fusione non è ancora stata conclusa, le due società hanno unito le forze per offrire i loro servizi. Pochi giorni fa, il nuovo sistema operativo di Fitbit ha costruito l’ integrazione nativa di Google Assistant con gli orologi dell’azienda, oltre ad Alexa.

Per completare questo processo, Assistant ha ricevuto una nuova sezione Wellness, che si integra con Fitbit tracker e consente di accedere ai dati del sonno da qualsiasi dispositivo compatibile con l’assistente. Qualsiasi dispositivo compatibile sarà in grado di recuperare queste informazioni quando richiesto. Ad esempio, potremmo chiedere “quanto abbiamo dormito la scorsa notte” per conoscere la risposta.

 

Google Assistant può richiedere informazioni sul sonno dai dispositivi Fitbit

Per il momento, è supportato solo il sonno e, cosa interessante, c’è solo un servizio da scegliere dall’elenco: Fitbit. Per essere onesti, anche se Google ha avviato l’integrazione con il suo marchio, si spera che presto diventerà, supporterà i prodotti di altre società in futuro. Chi ha testato la funzione è stata in grado di recuperare la quantità di sonno che ha ottenuto chiedendo al suo Assistente Google. Si spera che a breve verranno aggiunti altri servizi e dati all’elenco.

Sul fronte della privacy, Google afferma che i dati sul sonno vengono memorizzati temporaneamente e utilizzati per dare informazioni su sonno, salute e forma fisica. I dati sul sonno Fitbit non vengono utilizzati per gli annunci Google. Data la descrizione che si trova nelle impostazioni dell’assistente, sono in arrivo ulteriori funzionalità. Sarebbero utili comandi che consentono di recuperare più dati sull’attività recente. Ad esempio, ottenere le metriche sull’ultima corsa sarebbe un’alternativa utile allo sfioramento di un’app.

Foto di Hebi B. da Pixabay