coronavirus-arrivo-vaccini-ufficiale

Almeno due vaccini contro il coronavirus sembrano aver superato tutte le fasi di sperimentazione necessarie per essere dichiarati validi, perlomeno per gli standard europei. Allo stato attuale dovrebbero anche essere finite le analisi dei dati rilasciate dalle compagnie farmaceutiche. Quindi? Quando arriveranno le prime dosi? Purtroppo non c’è una risposta certa.

Sembra che il primo paese a ricevere le dosi del trattamento sviluppato da Pfizer e BioNTech sarà il Regno Unito. Si parla già di iniziare a distribuire il tutto il 7 dicembre e l’unico ostacolo in mezzo a questo obiettivo potrebbe essere la catena del freddo. Il vaccino in questione ha bisogno di essere tenuto a una temperatura di -70°.

Gli Stati Uniti potrebbero seguire, sempre che la riunione della Food and Drug Administration, l’ente governativo che ha il compito di decidere quali medicine possono venire distribuite su territorio americano, andrà a buon fine; si terrà il 10 dicembre.

 

Coronavirus: l’arrivo dei vaccini

Anche la Germania conta di iniziare a distribuire le prime dosi entro la fine di dicembre, e quindi dell’anno, un po’ come l’Italia. Ovviamente questa distribuzione non porterà nessuna normalità, ma darà un sospiro di sollievo alle categorie più a rischio, come gli operatori sanitari.

Per quanto riguarda le dosi per la popolazione generale, ne deve ancora passare di tempo. Vaccinare anche solo gli operatori della sanità richiede un gran numero di dosi e attualmente non ne sono state prodotte moltissime, o comunque si tratta di una minima frazione del totale necessario. La grande distribuzione avverrà solo dopo qualche mese e durerà e la campagna vaccinale durerà diversi mesi.

Ph. credit: CNN