Covid-19 cervello mucosa

Utilizzando campioni di tessuto post mortem, un team di ricercatori ha studiato i meccanismi con cui il Covid-19 può raggiungere il cervello dei pazienti infetti e come il sistema immunitario risponde al virus una volta che lo fa. I risultati mostrano che SARS-CoV-2 entra nel cervello attraverso le cellule nervose della mucosa olfattiva.

Per la prima volta, i ricercatori sono stati in grado di produrre immagini al microscopio elettronico di particelle di coronavirus intatte all’interno della mucosa olfattiva. Utilizzando la tecnologia più recente, i ricercatori hanno analizzato campioni prelevati dalla mucosa olfattiva dei pazienti deceduti e da quattro diverse regioni del cervello.

 

Covid-19, come il virus arriva al cervello attraverso la mucosa olfattiva

Il team ha fornito prove del virus in diverse strutture neuroanatomiche che collegano occhi, bocca e naso con il tronco cerebrale. La mucosa olfattiva ha rivelato la più alta carica virale. Usando macchie di tessuto speciali, i ricercatori sono stati in grado di produrre le prime immagini al microscopio elettronico di particelle di coronavirus intatte all’interno della mucosa olfattiva.

Questi sono stati trovati sia all’interno delle cellule nervose che nei processi che si estendono dalle cellule epiteliali vicine. Tutti i campioni utilizzati in questo tipo di analisi basata su immagini devono essere della massima qualità possibile. Per garantire che fosse così, i ricercatori si sono assicurati che tutti i processi clinici e patologici fossero strettamente allineati e supportati da un’infrastruttura sofisticata.

Questi dati supportano l’idea che SARS-CoV-2 sia in grado di utilizzare la mucosa olfattiva come porta di ingresso nel cervello, afferma il prof. Heppner. Ciò è supportato anche dalla stretta vicinanza anatomica delle cellule della mucosa, dei vasi sanguigni e delle cellule nervose nell’area. Una volta all’interno della mucosa olfattiva, il virus sembra utilizzare connessioni neuroanatomiche, come il nervo olfattivo, per raggiungere il cervello.

 

Cellule nel liquido cerebrale

È importante sottolineare, tuttavia, che i pazienti Covid-19 coinvolti in questo studio presentavano quella che sarebbe definita una malattia grave, appartenente a quel piccolo gruppo di pazienti in cui la malattia si rivela fatale. Non è necessariamente possibile, quindi, trasferire i risultati del nostro studio a casi con malattia lieve o moderata.

I ricercatori hanno anche studiato il modo in cui il sistema immunitario risponde all’infezione da Covid-19. Oltre a trovare prove di cellule immunitarie attivate nel cervello e nella mucosa olfattiva, hanno rilevato le firme immunitarie di queste cellule nel liquido cerebrale. In alcuni dei casi studiati, i ricercatori hanno anche riscontrato danni ai tessuti causati da ictus a seguito di tromboembolismo.

Non si può escludere che, nei pazienti con Covid-19 grave, la presenza del virus in queste aree del cervello avrà un impatto esacerbante sulla funzione respiratoria, aggiungendosi ai problemi respiratori dovuti all’infezione da SARS-CoV-2 dei polmoni. Problemi simili potrebbero sorgere in relazione alla funzione cardiovascolare.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay