Sonno insufficienza cardiaca

Gli adulti con schemi di sonno più sani hanno un rischio inferiore del 42% di insufficienza cardiaca indipendentemente da altri fattori di rischio rispetto agli adulti con schemi di sonno malsani, secondo una nuova ricerca. I ritmi di sonno sani aumentano al mattino, dormono 7-8 ore al giorno e non hanno insonnia frequente, russamento o sonnolenza diurna eccessiva.

insufficienza cardiaca colpisce più di 26 milioni di persone e le prove emergenti indicano che i problemi del sonno possono svolgere un ruolo nello sviluppo dell’insufficienza cardiaca. L’incidenza di insufficienza cardiaca è stata raccolta fino al 1 aprile 2019. I ricercatori hanno registrato 5.221 casi di insufficienza cardiaca durante un follow-up di 10 anni.

 

Un sonno sano porta ad una riduzione dell’insufficienza cardiaca

I ricercatori hanno analizzato la qualità del sonno e i modelli di sonno complessivi. Le misure della qualità del sonno includevano la durata del sonno, l’insonnia e il russamento e altre caratteristiche legate al sonno, come se il partecipante fosse un mattiniero o un nottambulo e se avesse avuto sonnolenza diurna. I nostri risultati evidenziano l’importanza di migliorare i modelli di sonno generali per aiutare a prevenire l’insufficienza cardiaca.

I comportamenti del sonno sono stati raccolti tramite questionari touchscreen. La durata del sonno è stata definita in tre gruppi: breve, o meno di 7 ore al giorno; consigliato, o da 7 a 8 ore al giorno; e prolungato, o 9 ore o più al giorno. I partecipanti con il modello di sonno più sano hanno avuto una riduzione del 42% del rischio di insufficienza cardiaca rispetto alle persone con un modello di sonno malsano.

I comportamenti del sonno dei partecipanti erano auto-segnalati e le informazioni sui cambiamenti nei comportamenti del sonno durante il follow-up non erano disponibili. I ricercatori hanno notato che anche altri aggiustamenti non misurati o sconosciuti potrebbero aver influenzato i risultati.

Foto di Claudio_Scott da Pixabay