Covid-19 Russia

La Russia ha iniziato a distribuire il suo vaccino anti-Covid con Mosca come punto focale. Il vaccino Sputnik V di fabbricazione russa sarà distribuito in 70 cliniche intorno a Mosca. È stato prima messo a disposizione di medici e altri operatori sanitari, insegnanti e assistenti sociali.

Il governo ha ritenuto che questi gruppi siano a più alto rischio di esposizione alla malattia. L’età per coloro che ricevono il vaccino è stata limitata a 60 anni, mentre anche le persone con determinate condizioni di salute di base, le donne incinte sono state escluse dalla vaccinazione.

 

Covid-19, la Russia distribuisce il suo vaccino

Mosca è stata l’ epicentro del focolaio Covid-19 della Russia; registrati 7.993 nuovi casi in città durante la notte, fino dal 6868 un giorno prima. I numeri sono ben al di sopra dei conteggi giornalieri di circa 700 visti all’inizio di settembre. Nonostante una seconda ondata in ripresa, il governo non ha reimpostato rigide misure di blocco, scegliendo di mantenere i ristoranti aperti, anche se con un coprifuoco alle 23:00. Ha incoraggiato le persone a lavorare da casa, senza limitare i movimenti delle persone.

Il vaccino Sputnik V verrà somministrato in due iniezioni, con la seconda dose prevista per essere somministrata 21 giorni dopo la prima. La Russia ha finora sviluppato due vaccini Covid-19, Sputnik V, che è sostenuto dal Fondo russo per gli investimenti diretti, e uno separato sviluppato dal Vector Institute della Siberia.

Gli scienziati hanno espresso preoccupazione per la velocità con cui la Russia ha dato il via libera alla regolamentazione per la distribuzione dei vaccini. La Russia ha già consegnato i suoi campioni di vaccino a paesi come Ungheria, Serbia e Venezuela, mentre negoziava accordi di produzione con India e Cina.

Foto di Dimitri Houtteman da Pixabay