Covid-19 aria auto

Un nuovo studio sui modelli di flusso d’aria all’interno di un’auto offre alcuni suggerimenti per ridurre potenzialmente il rischio di trasmissione di Covid-19 condividendo le corse con altri. Lo studio ha utilizzato modelli computerizzati per simulare il flusso d’aria all’interno di un’auto compatta con varie combinazioni di finestrini aperti o chiusi.

L’apertura dei finestrini crea schemi di flusso d’aria che riducono drasticamente la concentrazione di particelle sospese nell’aria scambiate tra un guidatore e un singolo passeggero. I ricercatori hanno scoperto che fare esplodere il sistema di ventilazione dell’auto non faceva circolare l’aria altrettanto bene di alcune finestre aperte.

 

Covid-19, il flusso d’aria in auto influenza la trasmissione del virus

Lo scenario migliore trovato era avere tutte e quattro le finestre aperte, ma anche averne una o due aperte era molto meglio che averle tutte chiuse. I ricercatori sottolineano che non c’è modo di eliminare completamente il rischio e, naturalmente, le attuali linee guida rilevano che posticipare il viaggio e restare a casa è il modo migliore per proteggere la salute personale e della comunità.

I modelli di computer utilizzati nello studio hanno simulato un’auto, liberamente basata su una Toyota Prius, con due persone all’interno: un guidatore e un passeggero seduti sul sedile posteriore sul lato opposto rispetto al guidatore. I modelli hanno simulato il flusso d’aria intorno e all’interno di un’auto che si muove a 50 miglia all’ora, nonché il movimento e la concentrazione di aerosol provenienti sia dal guidatore che dal passeggero.

Parte del motivo per cui aprire i finestrini è migliore in termini di trasmissione degli aerosol è perché aumenta il numero di cambi d’aria all’ora all’interno dell’auto, il che aiuta a ridurre la concentrazione complessiva di aerosol. Lo studio ha mostrato che diverse combinazioni di finestrini aperti creavano diverse correnti d’aria all’interno dell’auto potevano aumentare o diminuire l’esposizione agli aerosol rimanenti.

 

Aprire i finestrini riduce notevolmente la possibilità di contagio

A causa del modo in cui l’aria scorre all’esterno dell’auto, la pressione dell’aria vicino ai finestrini posteriori tende ad essere maggiore della pressione ai finestrini anteriori. Di conseguenza, l’aria tende a entrare nell’auto dai finestrini posteriori e ad uscire dai finestrini anteriori. Le simulazioni per scenari in cui alcune finestre sono abbassate, hanno prodotto risultati forse controintuitivi. Ad esempio, ci si potrebbe aspettare che l’apertura di finestre direttamente accanto a ciascun occupante sia il modo più semplice per ridurre l’esposizione.

Dalle simulazioni è emerso che, sebbene questa configurazione sia migliore dell’assenza di finestre abbassate, comporta un rischio di esposizione maggiore rispetto all’abbassamento della finestra di fronte a ciascun occupante. Tuttavia, i ricercatori affermano che lo studio fornisce nuove preziose informazioni sui modelli di circolazione dell’aria all’interno dell’abitacolo di un’auto, qualcosa che prima d’ora aveva ricevuto poca attenzione.

Foto di Karolina Grabowska da Pixabay