Covid-19 vaccino lavoro

Il primo vaccino anti-Covid del paese potrebbe essere autorizzato per l’uso di emergenza tra pochi giorni. Se Pfizer avrà il via libera, la distribuzione inizierà entro pochi giorni. Alcuni esperti sostengono che la parte più difficile della lotta contro il virus è in realtà ciò che viene dopo: convincere la popolazione a prendere il vaccino.

Secondo un recente sondaggio, circa quattro americani su dieci affermano che “sicuramente” o “probabilmente” non otterrebbero un vaccino. Anche se questo è più alto rispetto a due mesi fa, per ottenere l’immunità di gregge, gli esperti dicono che circa il 70% della popolazione deve essere vaccinato o avere anticorpi naturali.

 

Covid-19, il datore di lavoro può licenziare se si rifiuta il vaccino

Alcuni datori di lavoro, però, non potrebbero accettare la possibilità che un dipendente possa dire no alla vaccinazione. Secondo la legge infatti il capo può decidere di licenziare il proprio dipendente che non rispetta le decisioni dell’azienda. Un requisito di vaccinazione obbligatoria potrebbe essere un punto di svolta per le imprese.

Potrebbe essere, in parte, una tattica di pubbliche relazioni, ma è totalmente nei diritti di un datore di lavoro implementare questo tipo di requisito. Esistono, tuttavia, alcune eccezioni degne di nota a questo tipo di requisito generale. Se una forza lavoro è sindacalizzata, l’accordo di contrattazione collettiva può richiedere la negoziazione con il sindacato prima di imporre un vaccino.

Le leggi contro la discriminazione forniscono anche alcune protezioni. Ai sensi dell’Americans with Disabilities Act, i lavoratori che non vogliono essere vaccinati per motivi medici possono richiedere un’esenzione. In questo caso, un datore di lavoro dovrebbe fornire una sistemazione ragionevole, come consentire al dipendente di lavorare a distanza.

 

Vantaggi finanziari per chi si vaccina

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che se un datore di lavoro sceglie di imporre il vaccino Covid, un’azienda non è responsabile nel caso in cui un dipendente sviluppi effetti collaterali da un vaccino. Invece, gli esperti dicono che qualsiasi reclamo sarebbe inoltrato attraverso i programmi di compensazione dei lavoratori e trattato come un infortunio sul lavoro.

Si parla anche di offrire vantaggi finanziari ai dipendenti che scelgono di prendere il vaccino. E per chi ancora rifiuta? Piuttosto che licenziarli i datori di lavoro potrebbero richiedere che completino un corso educativo che approfondisca i dati sull’efficacia dello studio e l’esperienza dei partecipanti.

I numeri record della disoccupazione hanno esercitato un’enorme pressione sul mercato del lavoro, specialmente nelle industrie basate sui servizi, dove i lavoratori sono maggiormente a rischio. Questa è una parte importante del motivo per cui i CDC hanno consigliato di dare la priorità ai dipendenti in prima linea nella coda per l’inoculazione.

Foto di pearson0612 da Pixabay