new-delhi

Sandy, con note di carbone bruciato, mescolate con l’odore metallico della benzina e un pizzico di sostanze chimiche – un sapore così tossico che ti strozza la gola e ti fa venir voglia di sciacquarti la bocca più volte“. È così che viene descritto il sapore dell’inquinamento atmosferico nella capitale dell’India, Nuova Delhi, se si potesse provare.

All’inizio di questo mese, l’indice di qualità dell’aria (AQI) della città di Nuova Delhi, in India, è salito drammaticamente a limiti pericolosi di oltre 900, rendendola la capitale più inquinata del mondo per il terzo anno consecutivo.

L’AQI in molte città dell’India, della Cina, del Pakistan e di altri Paesi oscilla nel range da cattivo a grave durante tutto l’anno. Tuttavia, è solo quando l’inquinamento diventa più denso a livelli pericolosi e possiamo vederlo visibilmente, annusarlo e iniziare a esserne soffocati, che la gente inizia a parlarne.

L’intangibilità dell’inquinamento atmosferico ha molto a che fare con questo discorso – o con la sua mancanza. Questo è ciò che il centro studi guidato da Portland, Center for Genomic Gastronomy, vuole rettificare con la sua indagine creativa in corso chiamata Smog Tasting. “Trasformando il processo in gran parte inconscio della respirazione nell’atto cosciente del mangiare, il progetto crea un’interazione viscerale e stimolante con l’aria che ci circonda“, ha detto il co-fondatore Zack Denfeld.

L’obiettivo è dare alle papille gustative un assaggio di ciò che sperimentano i polmoni.

 

Uno studio fuori dal comune

Nel 2011, Denfeld e Cathrine Kramer hanno avuto l’idea di creare sussulti di inquinamento durante un seminario nella città di Bengaluru, nel sud dell’India. Durante la lettura della guida di chimica culinaria di Harold McGee, On Food and Cooking, si sono imbattutti in una frase che diceva: “Grazie agli albumi, possiamo raccogliere l’aria e renderla parte integrante dei sospiri“.

La frase poetica “raccogliere l’aria” ha ispirato i due a pensare a come raccogliere e assaporare l’inquinamento di Bengaluru che li circondava ogni giorno.

Insieme ai partecipanti al laboratorio sono scesi per le strade della città con ciotole, frullatori e albumi, sospirando in più punti e tornando nella cucina del laboratorio per arrostirli. “I volontari hanno provato questi sospiri e sono riusciti a identificare un elemento piccante o piccante. Molti hanno notato che il sapore dei sospiri di inquinamento di Yelahanka (un sobborgo boscoso) era comparativamente migliore di quelli del Mekhri Circle (snodo urbano trafficato)“, ha detto Denfeld.

Con questa collisione culinaria e inquinante, è nato il progetto Smog Tasting con l’intenzione di utilizzare albumi d’uovo per raccogliere, assaggiare e confrontare l’inquinamento atmosferico di diverse località in tutto il mondo.

Da allora, il progetto è cresciuto fino a includere una varietà di metodi per sentire, analizzare e valutare il sapore unico dell’atmosfera di un luogo. Ciò include esperienze guidate di degustazione e odore, meditazioni sull’inquinamento e un nuovo sintetizzatore dell’inquinamento che funziona come un carrello alimentare sperimentale per generare l’odore e il sapore dell’inquinamento atmosferico da vari luoghi e tempi.

Negli anni seguenti al suo inizio, Smog Tasting ha viaggiato in tutto il mondo e ha servito sospiri di inquinamento ai ministri della salute presso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Ginevra, nonché durante la conferenza COP-21 a Parigi nel 2015.

Nel 2017, è stata creata una rete internazionale di raccoglitori di inquinamento umano come parte della prima sessione Smog Tasting: Take Out al Fuller Symposium di Washington DC, organizzato dal World Wide Fund for Nature (WWF).

I partecipanti sono stati invitati a preparare sospiri a Londra, Perth, Pechino, Barcellona, ​​Washington DC, Porto e Mumbai. I campioni sono stati inviati per posta al Simposio, dove sono stati degustati e confrontati.

Photo by Laurentiu Morariu on Unsplash