Covid-19 vaccino Oxford

Il vaccino Oxford Covid-19 si è dimostrato sicuro, con solo tre partecipanti su 23.745 che hanno manifestato eventi avversi gravi correlati a un vaccino. Tutti e tre i partecipanti si sono ripresi o si stanno riprendendo e rimangono nello studio, ha detto il prof Andrew Pollard dell’Università di Oxford, che è l’autore principale dello studio.

Sono i primi risultati completi di efficacia sottoposti a revisione paritaria ad essere pubblicati per un vaccino Covid-19. Secondo i risultati, il vaccino protegge dalle malattie sintomatiche nel 70% dei casi, con un’efficacia vaccinale del 62% per coloro che hanno ricevuto due dosi intere e del 90% in quelli a cui è stata somministrata metà e poi una dose intera.

 

Covid-19, il vaccino Oxford sicuro e protegge dal virus

Il vaccino utilizza un vettore virale dell’adenovirus di scimpanzé che non può causare malattie negli esseri umani ed esprime la proteina spike SARS-CoV-2. Ciò significa che il vaccino trasporta il codice genetico della proteina spike nelle cellule delle persone vaccinate insegnando al sistema immunitario a attaccare il virus.

Su 23.745 partecipanti, 168 hanno sperimentato un totale di 175 eventi avversi, ma 172 eventi non erano correlati al Covid-19 o ai vaccini di controllo, ha affermato il prof Pollard. Questi sono eventi considerati clinicamente significativi.

Il risultato principale dello studio, era determinare quanti casi di malattia Covid-19 sintomatica c’erano nei partecipanti che avevano ricevuto due dosi del vaccino. Inclusi solo i casi che si sono verificati 14 giorni dopo la seconda vaccinazione. Ciò includeva lo 0,5% dei casi nel gruppo vaccino e l’1,7% dei casi nel gruppo di controllo, il che equivale a un’efficacia del vaccino del 70%.

I casi di malattia grave e ospedalizzazione sono stati monitorati in tutti i 23.745 partecipanti. A partire da 21 giorni dopo la prima dose, ci sono stati 10 casi ospedalizzati per Covid-19 e due classificati come gravi, incluso un decesso. Questi sono anche risultati secondari e richiederanno ulteriori conferme.

Foto di Elchinator da Pixabay