Covid-19 test gusto

Un creatore di TikTok del New Jersey ha escogitato un modo degno per dimostrare come il Covid-19 ha influenzato le sue papille gustative, filmandosi mentre mangia un miscuglio di cibi odorosi. Il video è diventato virale ed è stato denominato come “Test del gusto“.

Donnelly voleva dimostrare ai suoi amici scettici che il Covid-19 ha effettivamente influenzato il suo senso del gusto. In effetti, è stato un episodio inspiegabile di ageusia, la mancanza della funzione del gusto sulla lingua, che lo ha spinto a fare il test in primo luogo. Il tiktoker è risultato positivo il 5 novembre.

 

Covid-19, il “test del gusto” spopola su TikTok

La perdita dell’olfatto e del gusto si è verificata in quasi la metà di tutte le persone che hanno contratto il virus negli ultimi mesi. Per alcuni, i sensi svaniscono solo per pochi giorni. Altri non li hanno ancora recuperati mesi dopo essere risultati negativi. Ha senso che molti pazienti Covid-19 sperimentino la perdita dell’olfatto, o anosmia, dato che l’agente patogeno attacca la cavità nasale. Tuttavia invece di danneggiare i neuroni olfattivi responsabili dell’invio di segnali aromatici al cervello, è probabile che infetti le cellule vicine che forniscono supporto fisico e metabolico.

Poiché l’olfatto è una parte così grande del gusto, i due sensi spesso scompaiono insieme. “Le persone che hanno questo sintomo riferiscono che in realtà non riescono a sentire l’odore o il sapore di niente, semmai del tutto“, dice John O’Horo, uno specialista in malattie infettive presso la Mayo Clinic. Quando il gusto e l’odore iniziano a tornare, possono andare in tilt.

Questi profumi errati e fantasma sono probabilmente un segno che il corpo si sta guarendo da solo, anche se in modo errato. Uno studio ha rilevato che l‘89% delle persone con Covid-19 lieve e anosmia ha recuperato completamente o parzialmente l’olfatto dopo quattro settimane.

 

La perdita del gusto porta alla probabilità di un test positivo

Un altro ha rilevato che il 98% si è ripreso entro quel lasso di tempo. Ma per una minoranza sfortunata, la perdita può trascinarsi, da sola o con altri sintomi nei lunghi trasportatori. Dopo due mesi, dal 2 al 4 percento non riesce ancora a sentire o annusare come una volta. È possibile che non tornino mai più alla linea di base.

Che il caso sia lieve o grave, l’anosmia sembra essere un chiaro segnale di avvertimento precoce di Covid-19. Coloro che hanno il gusto perduto e l’olfatto sono stati 27 volte più probabilità di test positivo per Covid-19. Questo è tutto da dire, chiunque si svegla e non può assaggiare la colazione farebbe meglio a stare a casa e farsi subito test.

Foto di StockSnap da Pixabay