newton-piramidi

Il fisico, matematico e astronomo Isaac Newton aveva un interesse particolare per la teoria dell’Apocalisse biblica. Le sue inclinazioni mistiche, molte delle quali erano considerate eretiche a quel tempo, sono ora evidenziate in alcune note scritte a mano che vengono messe all’asta da Sotheby’s.

Oltre alla matematica, alla fisica e all’astronomia, Isaac Newton aveva anche altre sfaccettature: era un teologo e un alchimista. Ora, Sotheby’s ha messo in vendita alcuni manoscritti inediti che rivelano che lo scienziato pensava che le piramidi egizie nascondessero un segreto che lui stesso ha cercato di svelare.

Sulle tre pagine scritte a mano, Newton ha cercato di decifrare i codici nascosti nella Bibbia e scoprire così il momento della Rivelazione. Per questo, ha cercato di decifrare i segreti delle Piramidi d’Egitto, che sarebbero stati il ​​pezzo chiave.

 

Un’asta molto preziosa

L’asta online si conclude martedì e Sotheby’s spera di venderli per centinaia di migliaia di euro. “Queste sono pagine davvero affascinanti perché in esse possiamo vedere Newton che cerca di svelare i segreti delle piramidi“, ha detto Gabriel Heaton, esperto di manoscritti di Sotheby’s.

Secondo Heaton, Isaac Newton stava cercando di scoprire l’unità di misura utilizzata dai costruttori di piramidi. Il matematico giunse alla conclusione che gli antichi egizi avrebbero potuto provare a misurare la Terra in modo che, scoprendo l’unità di misura della Grande Piramide, sarebbe stato anche in grado di misurare la circonferenza del pianeta.

Newton sperava che questa scoperta lo portasse a conoscere altre misure antiche e, in questo modo, poter scoprire l’architettura e le dimensioni del Tempio di Salomone, lo scenario in cui avrebbe dovuto avvenire l’Apocalisse. Newton conservò questa sua ossessione per l’alchimia e le sue credenze religiose eterodosse perché le sue opinioni non ortodosse potevano costargli la carriera.

L’idea che la scienza sia un’alternativa alla religione è un pensiero moderno. Newton non avrebbe creduto che il suo lavoro scientifico potesse minare le credenze religiose“, ha spiegato l’esperto. “Non stava cercando di confutare il cristianesimo: ha passato molto tempo a cercare di stabilire il probabile arco di tempo per la Rivelazione biblica. Ecco perché ero così interessato alle piramidi“, ha aggiunto Heaton.

I testi sono frammenti, bruciati da un incendio provocato da una candela lasciata cadere da Diamond, il cane di Newton.

Photo by Dea Andre on Unsplash