Steve McCurry per Xiaomi

Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, annuncia la campagna ‘My Unsung Heroes’, una collaborazione esclusiva con il fotografo Steve McCurry, una delle moderne icone della fotografia. Gli scatti sono stati tutti catturati dal flagship di nuova generazione Mi 10T Pro.

 

Steve McCurry per Xiaomi

Xiaomi Corporation è stata fondata nell’aprile del 2010 e quotata al Main Board della Borsa di Hong Kong dal il 9 luglio 2018. Xiaomi è attualmente il terzo brand di smartphone al mondo e ha creato la più grande piattaforma IoT consumer, con 289,5 milioni di dispositivi intelligenti connessi a essa, esclusi smartphone e laptop.

Steve McCurry è un fotografo di fama mondiale, i cui lavori, alcuni dei quali ormai iconici del nostro tempo, raccontano conflitti, culture che stanno scomparendo, tradizioni antiche e culture contemporanee, ma sempre mantenendo al centro la figura umana di cui l’esempio è la sua immagine più famosa, Ragazza afgana, uno scatto così potente, enigmatico e unico.

I suoi scatti unici raccontano la vita, la diversità, l’uomo e sono il degno frutto della sua filosofia, quella di andare e perdersi tra le strade di luoghi sconosciuti, assaporarne i profumi, i colori, i ritmi. Respirare a pieno un luogo, viverlo e riassumere tutte le emozioni in un’immagine che solo così sarà uno spaccato autentico di una cultura o di un luogo.

 

Il progetto My Unsung Heroes

Steve McCurry è stato insignito di alcuni tra i più importanti premi della fotografia, tra cui, nel 2019, il Centenary Medal for Lifetime Achievement. Per catturare la serie di immagini mozzafiato presentata nel progetto My Unsung Heroes, McCurry si è affidato al comparto fotografico di Mi 10T Pro.

Un progetto che McCurry ha accolto con entusiasmo affermando: eroine ed eroi della vita quotidiana, appartenenti a tutti i ceti sociali, sono le colonne portanti di questo momento difficile in cui tutti noi dobbiamo farci forza e andare avanti. Vorrei davvero rendere memorabili questi volti, così che nessuno se ne scordi mai”.

 

La tripla fotocamera dello Xiaomi Mi 10T Pro

La campagna Xiaomi, My Unsung Heroes, vuole infatti essere una celebrazione alla gratitudine e ci invita tutti a immortalare le persone speciali e i momenti chiave della nostra vita, rendendoli eterni. Il tutto ovviamente grazie alla tripla fotocamera AI da 108 megapixel di Mi 10T Pro che farà si che ogni foto diventi immortale, con immagini nitide e ad alta definizione.

Shou Zi Chew, Presidente di Xiaomi International ha infatti dichiarato che quest’anno è il momento giusto per esprimere il nostro grande rispetto e apprezzamento a coloro che ci hanno sostenuto durante le difficoltà. Per questo motivo abbiamo scelto di lavorare con Steve McCurry, fotografo di fama mondiale, per immortalare i ritratti degli eroi sconosciuti. McCurry lo ha fatto utilizzando il nostro flagship di ultima generazione Mi 10T Pro. Con una fotocamera di ultima generazione da 108MP, questo dispositivo è stato creato per accendere la creatività di ogni singola persona, e crediamo che possa portare anche le opere di Steve a un altro livello”.

Xiaomi ha svolto un ruolo di rilievo nella definizione del segmento delle fotocamere da 108MP, e Mi 10T Pro è il testimone di questa eredità nel mercato dei dispositivi mobili, con una combinazione di obiettivi all’avanguardia che include AI, sei modalità di esposizione prolungata, modalità pro, modalità panorama e correzione della distorsione della modalità Ultra-wide HDR, per una qualità d’immagine spettacolare.

 

I ritratti emblematici per la campagna di Steve McCurry

Per il progetto My Unsung Heroes, che vive online anche attraverso gli hashtag #MyUnsungHeroes e #Mi10TPro, McCurry ha selezionato tre scatti celebrativi che rendono omaggio a tre persone a lui care: Tony Vaccaro, la figlia Lucia e Camille Clech.

Tony Vaccaro è un fotografo statunitense e amico di McCurry, Un inarrestabile 98enne sopravvissuto al COVID che ha scattato alcune delle immagini più iconiche durante la seconda guerra mondiale.

La figlia Lucia McCurry è la sua fonte costante di gioia e ispirazione, che gli permette di vedere il mondo attraverso i suoi occhi innocenti, offrendo a McCurry una prospettiva completamente nuova, osservando dettagli a cui gli adulti spesso non fanno caso.

Camille Clech è invece la manager di Steve McCurry Studios e responsabile delle mostre, una parte importante dello staff di McCurry, che gli ha permesso di viaggiare pubblicando libri, organizzare mostre, dare vita a un’organizzazione no-profit e gestire un archivio davvero impegnativo.