grande-piramide

È stato per caso che questa sorprendente scoperta è avvenuta all’Università di Aberdeen, in Scozia. Dopo più di 70 anni di assenza, questo pezzo, appartenente a una delle più grandi meraviglie del mondo, è finalmente riapparso. Nel 1872, l’ingegnere Waynman Dixon scoprì un trio di oggetti all’interno della Pyramid’s Chamber of Queens, e i tre pezzi trovati divennero noti come le Reliquie di Dixon.

Due di loro, una palla e un gancio, possono ora essere ammirati al British Museum, ma il terzo, un frammento di legno, è scomparso da più di 70 anni e nessuno aveva idea di dove si trovasse.

Il pezzo di cedro perduto ha dato origine a molte teorie sul suo scopo e data di creazione e ha un significato particolare a causa del potenziale per la datazione al radiocarbonio. Alcuni esperti ritengono che questo metodo facesse parte di una regola di misurazione che potrebbe rivelare indizi sulla costruzione della piramide.

 

Ma qual è l’importanza del manufatto?

Sempre nel 2001, è stata identificata una registrazione che indicava che il frammento di legno avrebbe potuto essere donato alle collezioni del museo dell’Università di Aberdeen a seguito di un’amicizia tra Dixon e James Grant, nato a Methlick intorno al 1840.

James Grant studiò medicina all’università e verso la metà degli anni 1860 andò in Egitto per aiutare quando il Paese dovette affrontare un’epidemia di colera. Fu in quel momento che il dottore sviluppò una forte amicizia con Dixon e poi procedette ad aiutarlo a esplorare la Grande Piramide, dove insieme scoprirono il trio di reliquie.

Dopo la morte di Grant nel 1895, le sue collezioni furono lasciate all’Università, mentre il pezzo di cedro fu donato dalla figlia nel 1946. Tuttavia, non è mai stato classificato e, nonostante le ricerche approfondite, non è stato possibile individuarlo.

Alla fine dell’anno scorso, l’assistente curatoriale Abeer Eladany stava esaminando gli oggetti della collezione Asia presso l’Università di Aberdeen. Quando ha trovato il pezzo, ha notato che aveva l’antica bandiera egiziana in cima e si è reso conto che l’oggetto non sembrava appartenere alla collezione asiatica, quindi ha incrociato i riferimenti con altri documenti. E’ stato allora che l’esperta d’arte si è resa conto di quello che aveva in mano. “Non appena ho guardato i numeri, ho capito subito di cosa si trattasse e cosa fosse effettivamente nascosto a tutti nella collezione sbagliata“, ha detto Eladany.

Secondo la ricerca, il pezzo di legno può essere datato tra il 3341 e il 3094 a.C. – circa 500 anni prima dei documenti storici che risalgono alla Grande Piramide del regno del faraone Cheope, avvenuta nel 2580 – 2560 a.C. Questo fatto suggerisce l’importanza delle Reliquie Dixon nella costruzione della Grande Piramide d’Egitto.

Questa scoperta riaccenderà sicuramente l’interesse per le Reliquie di Dixon e quanto siano state importanti per la costruzione della Grande Piramide.

Photo by Dario Morandotti on Unsplash