Covid-19 varianti vaccini

Il Regno Unito ha identificato una nuova variante del Covid-19 che può diffondersi più rapidamente rispetto ai precedenti ceppi del virus. Finora, una raccolta di prove suggerisce che il nuovo ceppo abbia un aumento significativo e sostanziale nella trasmissibilità. Non è ancora chiaro se questa nuova versione della malattia porti a sintomi gravi o se influisca sul trattamento dei vaccini già esistenti.

Paesi tra cui Italia, Germania, Canada e Israele hanno bloccato i voli dal Regno Unito in seguito alle segnalazioni del nuovo ceppo. Vin Gupta, un assistente professore affiliato dell’Istituto per le metriche e la valutazione della salute dell’Università di Washington, ha affermato di essere fiducioso che gli attuali vaccini proteggeranno da diversi ceppi di Covid-19.

 

Covid-19, i vaccini esistenti dovrebbero funzionare anche sulle varianti del virus

C’è una forte convinzione che il vaccino, così come esiste oggi avrà efficacia nel scongiurare l’infezione da questo nuovo ceppo in Inghilterra, oltre al vecchio ceppo con cui abbiamo combattuto per mesi. Questo perché a livello genetico, è probabile che il nuovo ceppo sia molto simile ai ceppi precedenti.

I vaccini prodotti da Pfizer – BioNTech e Moderna hanno riportato tassi di efficacia superiori al 90%. Il Regno Unito è stato il primo paese al mondo ad autorizzare e lanciare il vaccino sviluppato dal gigante farmaceutico americano Pfizer. Gli Stati Uniti e il Canada sono tra i pochi paesi che hanno anche approvato l’uso del vaccino per le emergenze.

Tuttavia, le versioni future del vaccino potrebbero dover prendere in considerazione nuovi ceppi di virus, allo stesso modo in cui vengono aggiornati i vaccini antinfluenzali. Non c’è motivo di credere che i vaccini che sono stati sviluppati non saranno efficaci anche contro il nuovo ceppo britannico.

A causa della varietà di anticorpi neutralizzanti indotti dai principali precursori del vaccino, è improbabile che il nuovo ceppo sia resistente all’inoculazione. È abbastanza probabile, dato che il vaccino fornisce l’immunità a diverse regioni della proteina spike, non solo quella in cui si trovano le mutazioni, è abbastanza probabile che il vaccino funzionerà contro questa cosa. Tuttavia in futuro potrebbero esserci nuove mutazioni che saranno in grado di resistere ai vaccini esistenti.

Foto di Katja Fuhlert da Pixabay