espressione emotiva

Un nuovo studio della UC Berkeley mostra che tutti gli esseri umani usano variazioni delle stesse espressioni facciali in contesti sociali simili, come sorrisi, cipiglio, smorfie e cipiglio. confermano l’universalità dell’espressione emotiva umana attraverso i confini geografici e culturali in un momento in cui il nativismo e il populismo sono in aumento in tutto il mondo.

Questo studio rivela quanto le persone siano notevolmente simili in diversi angoli del mondo nel modo in cui esprimiamo le emozioni di fronte ai contesti più significativi della vita, ha detto l’autore dello studio Dacher Keltner, professore di psicologia alla UC Berkeley e direttore fondatore del Greater Good Science Center.

 

Espressione emotiva, le più comuni al mondo

I ricercatori insieme a Google hanno utilizzato la tecnologia di apprendimento automatico nota come rete neurale profonda per analizzare le espressioni facciali in circa 6 milioni di videoclip caricati su YouTube da persone in 144 paesi del Nord, Centro e Sud America, Africa, Europa, Medio Oriente e Asia. È la prima analisi al mondo su come le espressioni facciali vengono utilizzate nella vita di tutti i giorni e ci mostra che le espressioni emotive umane universali sono molto più ricche e complesse di quanto molti scienziati pensassero in precedenza.

L’autore ha creato una mappa interattiva online che mostra come l’algoritmo tiene traccia delle variazioni delle espressioni facciali associate a 16 emozioni. Oltre a promuovere l’empatia interculturale, le potenziali applicazioni includono aiutare le persone che hanno difficoltà a leggere le emozioni, come i bambini e gli adulti con autismo, a riconoscere i volti che gli esseri umani comunemente fanno per trasmettere determinati sentimenti. Il tipico volto umano ha 43 muscoli diversi che possono essere attivati ​​intorno agli occhi, naso, bocca, mascella, mento e fronte per creare migliaia di espressioni diverse.

I ricercatori hanno utilizzato l’algoritmo di apprendimento automatico per registrare le espressioni facciali mostrate in 6 milioni di videoclip di eventi e interazioni in tutto il mondo, come guardare i fuochi d’artificio, ballare gioiosamente o consolare un bambino che singhiozza. Hanno utilizzato l’algoritmo per tracciare istanze di 16 espressioni facciali che si tende ad associare a divertimento, rabbia, stupore, concentrazione, confusione, disprezzo, contentezza, desiderio, delusione, dubbio, euforia, interesse, dolore, tristezza, sorpresa e trionfo.

 

Situazioni sociali ed emotive

Successivamente, hanno correlato le espressioni facciali con i contesti e gli scenari e hanno scoperto notevoli somiglianze nel modo in cui le persone al di là dei confini geografici e culturali usano le espressioni facciali in diversi contesti sociali. Le persone in tutto il mondo tendevano a guardare in soggezione durante i fuochi d’artificio, a mostrare contentezza ai matrimoni, ad aggrottare le sopracciglia per la concentrazione durante le arti marziali.

I risultati hanno mostrato che persone di culture diverse condividono circa il 70% delle espressioni facciali utilizzate in risposta a diverse situazioni sociali ed emotive. Questo supporta la teoria di Darwin secondo cui esprimere emozioni nei nostri volti è universale tra gli esseri umani. L’esibizione fisica delle nostre emozioni può definire chi siamo come specie, migliorando le nostre capacità di comunicazione e cooperazione e garantendo la nostra sopravvivenza.

Foto di S. Hermann & F. Richter da Pixabay