Covid-19 ictus

Secondo uno studio pubblicato dai ricercatori del Montefiore Health System e dell’Albert Einstein College of Medicine, le persone ricoverate con Covid-19 e problemi neurologici tra cui ictus e confusione, hanno un rischio di morte più elevato rispetto ad altri pazienti con la stessa infezione.

Questi risultati hanno il potenziale per identificare e concentrare gli sforzi di trattamento sugli individui più a rischio e potrebbero ridurre i decessi per Covid-19. Questo studio è il primo a dimostrare che la presenza di sintomi neurologici, in particolare ictus e pensiero confuso o alterato, può indicare un decorso più grave della malattia, anche quando i problemi polmonari non sono gravi.

 

Covid-19, le persone affette da ictus hanno un rischio maggiore di morte

Lo studio ha esaminato i dati di 4.711 pazienti ammessi a Montefiore durante il periodo di sei settimane tra il 1 marzo 2020 e il 16 aprile 2020. Di questi pazienti, il 12% avevano problemi neurologici abbastanza gravi da giustificare il cervello imaging. Questi sono stati confrontati con 1.743 pazienti Covid-19 non neurologici di età e gravità della malattia simili che sono stati ammessi durante lo stesso periodo.

Tra le persone sottoposte a imaging cerebrale, 55 avevano ictus e 258 persone hanno mostrato confusione o capacità di pensiero alterate. Gli individui con ictus avevano il doppio delle probabilità di morire rispetto ai controlli corrispondenti, una differenza statisticamente significativa. Le persone con confusione avevano un tasso di mortalità del 40% rispetto al 33% dei controlli abbinati.

Questa scoperta molto insolita concorda con altri studi su persone con Covid-19 nel suggerire che l’infezione è di per sé un fattore di rischio per l’ictus. Più della metà dei pazienti colpiti da ictus nello studio non aveva ipertensione o altri fattori di rischio sottostanti per l’ictus.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay