vaccini-2020

Una fase nella timeline del COVID-19 è arrivata l’8 dicembre, quando una donna nel Regno Unito è diventata la prima persona a ricevere ufficialmente il vaccino Pfizer/BioNTech. Ad oggi, questo rimane il vaccino più avanzato contro il coronavirus, ma altri candidati sono in dirittura d’arrivo e hanno le stesse potenzialità. Questo soprattutto dopo che gravi reazioni allergiche hanno attaccato i primi destinatari dell’alternativa Pfizer.

Di conseguenza, sono state poste nuove restrizioni per i soggetti allergici intorno al vaccino. Le donne incinte, i bambini e le persone allergiche non sono più ammissibili al vaccino.

 

Lezioni da una pandemia: cosa abbiamo imparato dall’evoluzione della crisi COVID-19?

Ora finalmente diciamo addio al 2020. Ma la cronologia del COVID-19 non finirà quando suoneranno i 12 rintocchi. L’arrivo dei vaccini sarà un aiuto a lungo termine. E  questo non significa che la pandemia sia finita, come ha avvertito l’OMS. Fa tutto parte degli sforzi per fermarlo, per comprendere il virus e contenerne il contagio. Pertanto, entro gennaio l’OMS prevede di inviare una nuova commissione per studiare in profondità l’origine della SARS-CoV-2 in Cina.

Questo non significa che il 2021 sarà come il 2020. L’umanità inizierà il prossimo anno più saggia e più attenta, perché conosce già il virus e di cosa è capace. Allo stesso modo, gestisce più numerosi e migliori strumenti sia per cercare di contrastarlo sia per evitare il suo contagio.

Tra questi troviamo i sistemi di biosicurezza e allontanamento sociale. Allo stesso modo, tutti gli spazi pubblici come siti turistici, bar e ristoranti cambieranno per adattarsi alle nuove norme. Chiaramente, quando la pandemia finalmente inizierà a placarsi, vorremo tutti uscire di nuovo. Ma ci sono sicuramente delle abitudini e delle regole che rimarranno con noi. Ad esempio, il lavoro a casa e le opzioni di intrattenimento, come Disney + e Netflix saranno sempre protagonisti. E, come controparte, possiamo sviluppare un maggiore apprezzamento e rispetto per la natura che ci circonda.

L’OMS ha proposto che gli effetti di COVID-19 potrebbero durare per decenni, quindi la sua cronologia è tutt’altro che finita. Tuttavia, quest’anno ci ha lasciato diverse lezioni su cui riflettere. Da quello che possiamo vedere, qualunque sia la situazione attuale, abbiamo già dimostrato che possiamo imparare da essa, adattarci e andare sempre avanti.

Photo by engin akyurt on Unsplash