Covid-19 complicazione mente

Individui che continuano a soffrire di disturbi correlati a Covid-19 settimane o mesi dopo la loro diagnosi iniziale sembrano aver sviluppato una nuova complicazione del virus; sintomi pscicotici anche se non hanno mai sofferto di malattie mentali.

I medici descrivono casi di pazienti che manifestano sintomi psicotici dopo il loro recupero da Covid-19, tra cui voci uditive, paranoia, deliri, ideazione omicida, allucinazioni e violenza. Molti dei pazienti che sviluppano questi sintomi hanno avuto sintomi Covid-19 minimi durante la malattia.

 

Covid-19, una nuova complicazione può compromettere la mente

Lo psichiatra Hisam Goueli, ha dichiarato che i pazienti che ha trattato con psicosi non hanno avuto complicazioni respiratorie, ma hanno sintomi neurologici sottili come formicolio alle mani, vertigini, mal di testa o perdita dell’olfatto. Da due settimane a pochi mesi dopo, i pazienti stanno sviluppando questa psicosi profonda, che è davvero pericolosa e spaventosa per tutte le persone che li circondano.

Lo studio riporta che i pazienti Covid-19 che mostrano sintomi psicotici tendono ad avere 30, 40 e 50 anni, che è generalmente un momento raro per sviluppare psicosi. Goueli ha detto che i sintomi più comuni coincidono con la schizofrenia nei giovani o la demenza negli anziani. Molti pazienti sono consapevoli della propria psicosi, che è anormale. Di solito, le persone con psicosi non hanno la consapevolezza di aver perso il contatto con la realtà.

Sebbene i pazienti che sviluppano gravi sintomi psichiatrici dopo il recupero da Covid-19 non siano poi così comuni, ciò dimostra l’ampiezza del tipo di caos che il virus può provocare nel corpo. Circa il 7% dei pazienti Covid-19 con complicanze psichiatriche, 10 su 150, stavano sperimentando psicosi di nuova insorgenza.

 

Un rischio indipendente dal virus

Oltre a gravi sintomi psicotici, è noto che il virus ha anche altri effetti psicologici, tra cui depressione e ansia. Uno studio ha scoperto che i pazienti sembrano essere a maggior rischio di sequele psichiatriche e una diagnosi psichiatrica potrebbe essere un fattore di rischio indipendente per Covid-19.

Sebbene gli esperti debbano ancora identificare la causa dei sintomi psicotici a seguito del virus, ipotizzano che siano il risultato di un’infiammazione o della risposta immunitaria del corpo alla malattia. Alcune delle neurotossine che sono reazioni all’attivazione immunitaria possono arrivare al cervello, attraverso la barriera emato-encefalica, e possono indurre questo danno.

Gli esperti suggeriscono che alcuni pazienti possono sviluppare psicosi a causa del loro trucco genetico o di una predisposizione non rilevata per la malattia mentale. Brian Kincaid ha detto che un paziente che ha visto sviluppare psicosi una volta ha avuto anche una reazione cutanea a un altro virus. Questo potrebbe suggerire che il sistema immunitario del paziente va in overdrive quando risponde alle infezioni virali.

Sebbene i sintomi psicotici possano sembrare una strana complicazione di un virus, non è senza precedenti. I ricercatori hanno raccolto informazioni sulla psicosi documentata durante molteplici pandemie dall’influenza del 1918 all’influenza suina del 2009. Associazioni tra infezione influenzale e psicosi sono state segnalate sin dal diciottesimo secolo, hanno scritto gli autori. È importante sottolineare che l’infezione è stata collegata con un aumento del rischio di diversi disturbi psichiatrici.

Foto di John Hain da Pixabay