animali oceanici

L’oceano è pieno di creature strane agli occhi umani. Tuttavia ogni tanto, questi tipi strani dal profondo fanno la loro comparsa su un terreno asciutto. Ecco dei casi in cui questi animali oceanici sono arrivati ​​a terra nel 2020. Dal momento che gli animali degli abissi hanno dovuto adattarsi a un ambiente senza cambiamenti stagionali, con pressioni elevatissime, oscurità e poco cibo, non sorprende che queste creature hanno un aspetto strano, bizzarro, addirittura sinistro e inquietante.

Sono state individuate oltre 1000 specie, di cui un terzo totalmente sconosciute. Ciò è fondamentale per comprendere l’habitat abissale, la sua biodiversità, i processi ecologici che lo sostengono. Potremo così contribuire alla sua conservazione e gestione, proteggendolo dagli impatti del cambiamento climatico, dell’inquinamento e da altre attività umane.

 

Calamaro gigante con gli occhi spalancati

È raro vedere un calamaro gigante, quindi la gente ha notato quando uno è arrivato a riva a Città del Capo, in Sudafrica, il 7 giugno. Questi calamari hanno un aspetto molto eccentrico: le loro otto braccia e i due tentacoli sono ricoperti di ventose seghettate con potente aspirazione. Hanno gli occhi più grandi del regno animale e possono raggiungere lunghezze fino a 18 metri.

Questo particolare calamaro gigante è ora nelle collezioni dei musei Iziko del Sud Africa e il suo DNA può aiutare i ricercatori a determinare se ci sono solo una o più specie di calamari giganti che vivono nelle profondità delle onde.

 

Polpo a 7 braccia

Quando un uomo ha notato un “globo rosso” sulla spiaggia rocciosa di un’isola vicino a Seattle, ha scattato alcune foto che hanno innescato un dibattito sull’identità della creatura. Era chiaramente un cefalopode, ma di che specie si trattava? Un polpo a sette braccia, una creatura di acque profonde che di solito non nuota nelle fredde acque costiere di Washington.

Nonostante il suo nome curioso, il polpo ha più di sette braccia. Nei maschi, l’ottavo braccio viene utilizzato durante l’accoppiamento e il resto del tempo rimane modestamente nascosto in un sacco vicino all’occhio destro.

 

Il polpo a 9 braccia

Dopo che un coltivatore di alghe ha catturato alcuni polpi a largo del Giappone, li ha portati a casa perché sua madre li cucinasse. Tuttavia subito dopo averne lasciato cadere uno in una pentola bollente, si rese conto che aveva nove braccia, quindi lo tirò fuori.

Come ha fatto questo polpo ad avere nove braccia? Proprio come le lucertole i polpi possono ricrescere le braccia. Tuttavia, a volte il processo di rigenerazione si indebolisce e il braccio ricresciuto ottiene un ramo, o nono braccio. A volte questi possono ripetersi più e più volte: secondo uno studio del 1965 un polpo è finito con 90 braccia.

 

Cacca trasandata

Una tartaruga verde catturata in una rete al largo delle coste argentine aveva la pancia molto turbata. Ha fatto uscire un sacco di spazzatura umana, compresi pezzi di sacchetti di nylon e plastica dura. È probabile che la tartaruga abbia scambiato questa spazzatura per la sua preda normale, come meduse, fanerogame e vermi. La spazzatura che mangiava invece occupava spazio nella sua pancia, il che probabilmente rendeva difficile per la tartaruga mangiare cibo vero e ottenere i nutrienti di cui aveva bisogno per sopravvivere. I veterinari hanno dovuto dargli dei farmaci per andare in bagno e riprendersi completamente.

 

Squalo contro pesce spada

Gli scienziati sono rimasti senza parole quando uno squalo volpe morto si è arenato sulla costa della Libia con la “spada” di un pesce spada incastonata nel suo corpo. I pesci spada sono noti per essere aggressivi nei confronti degli animali che percepiscono come minacce, comprese alcune balene, tartarughe marine e umani, ma non sono mai stati documentati prima di attaccare gli squali volpe.

Gli squali volpe mangiano piccoli pesci e non sarebbero una minaccia per il pesce spada, hanno detto i ricercatori. Forse i due stavano litigando per la preda, hanno detto gli scienziati, anche se è anche possibile che l’accoltellamento sia stato un incidente.

 

Blob marino

Una nuova specie di ctenoforo chiamata Duobrachium sparksae correlata alle gelatine pettine. I ricercatori hanno individuato per la prima volta questi strani esseri grandi come un tee da golf in un canyon sottomarino al largo della costa di Porto Rico nel 2015, ma non hanno pubblicato i risultati fino a quest’anno. Ogni volta che D. sparksae si muove, le file delle sue minuscole ciglia simili a capelli rifrangono la luce in un prisma di colori brillanti.

Foto di Martin Str da Pixabay