Covid-19 olfatto gusto

Un diminuito senso dell’olfatto, chiamato anosmia, è emerso come uno dei sintomi rivelatori del Covid-19, la malattia causata dal coronavirus. È il primo sintomo per alcuni pazienti e talvolta l’unico. Spesso accompagnata da un’incapacità di assaggiare, l’anosmia si verifica in modo brusco e drammatico in questi pazienti, quasi come se fosse stato premuto un interruttore. La maggior parte riacquista l’olfatto e il gusto dopo il recupero, di solito entro poche settimane. Ma in una minoranza di pazienti, la perdita persiste e i medici non sanno dire quando o se i sensi torneranno.

Gli scienziati sanno poco su come il virus provoca anosmia persistente o su come curarla. Ma i casi si stanno accumulando mentre il coronavirus si diffonde in tutto il mondo e alcuni esperti temono che la pandemia possa lasciare un numero enorme di persone con una perdita permanente dell’olfatto e del gusto. La prospettiva ha innescato una corsa urgente tra i ricercatori per saperne di più sul motivo per cui i pazienti stanno perdendo questi sensi essenziali e su come aiutarli.

L’olfatto è intimamente legato sia al gusto che all’appetito e l’anosmia spesso priva le persone del piacere di mangiare. Ma l’improvvisa assenza può anche avere un profondo impatto sull’umore e sulla qualità della vita. Gli studi hanno collegato l’anosmia all’isolamento sociale e all’anedonia, l’incapacità di provare piacere, nonché uno strano senso di distacco e isolamento. I ricordi e le emozioni sono strettamente legati all’olfatto e il sistema olfattivo gioca un ruolo importante, sebbene in gran parte non riconosciuto, nel benessere emotivo.

Molti malati descrivono la perdita come estremamente sconvolgente, persino debilitante, tanto più perché è invisibile agli altri. Scienziati britannici hanno studiato le esperienze di 9.000 pazienti con Covid-19 che si sono uniti a un gruppo di supporto di Facebook istituito dal gruppo di beneficenza AbScent tra il 24 marzo e il 30 settembre. Molti membri hanno affermato di aver perso non solo il piacere nel mangiare, ma anche nella socializzazione. La perdita aveva indebolito i loro legami con le altre persone, influenzando le relazioni intime e lasciandole isolate, addirittura distaccate dalla realtà.

La perdita dell’olfatto è un fattore di rischio per l’ansia e la depressione, quindi le implicazioni dell’anosmia diffusa preoccupano profondamente gli esperti di salute mentale. I ricercatori hanno scoperto che la disfunzione olfattiva spesso precede i deficit sociali nella schizofrenia e il ritiro sociale anche negli individui sani. Le persone con anosmia possono continuare a percepire i gusti di base: salato, acido, dolce, amaro e umami. Ma le papille gustative sono precettori relativamente rozzi. L’olfatto aggiunge complessità alla percezione del sapore tramite centinaia di recettori degli odori che segnalano il cervello.

 

Aumento dell’ansia e odori fantasma

Molte persone che non possono annusare perderanno l’appetito, mettendole a rischio di deficit nutrizionali e perdita di peso involontaria. Gli odori fungono anche da sistema di allarme primario che allerta gli esseri umani sui pericoli nel nostro ambiente, come incendi o fughe di gas. Un senso dell’olfatto diminuito nella vecchiaia è uno dei motivi per cui gli individui più anziani sono più inclini agli incidenti, come gli incendi causati dal lasciare cibo bruciato sui fornelli.

Gli esseri umani scansionano costantemente i loro ambienti alla ricerca di odori che segnalano cambiamenti e potenziali danni, sebbene il processo non sia sempre cosciente. L’odore avverte il cervello di cose banali, come vestiti sporchi, e rischiose, come cibo avariato. Senza questo sistema di rilevamento le persone tendono ad essere più ansiose su tutto. Ancora peggio, alcuni sopravvissuti al Covid-19 sono tormentati da odori fantasma che sono sgradevoli e spesso nocivi, come gli odori di plastica bruciata, ammoniaca o feci, una distorsione chiamata parosmia.

Lo squilibrio dell’olfatto può essere parte del processo di recupero, poiché i recettori nel naso lottano per risvegliarsi, inviando segnali al cervello che si accendono male o sono mal interpretati. I pazienti alla disperata ricerca di risposte e cure hanno provato terapie come l’allenamento dell’olfatto: annusando oli essenziali o bustine con una varietà di odori – come lavanda, eucalipto, cannella e cioccolato – più volte al giorno nel tentativo di persuadere l’olfatto. Un recente studio su 153 pazienti in Germania ha scoperto che la formazione potrebbe essere moderatamente utile in coloro che avevano un funzionamento olfattivo inferiore e in quelli con parosmia.

Secondo alcuni ricercatori l’assunzione di olio di pesce potrebbe aiutare a ripristinare l’olfatto. Gli acidi grassi omega-3 presenti nell’olio di pesce possono infatti proteggere le cellule nervose da ulteriori danni o aiutare a rigenerare la crescita dei nervi.

Foto di Restaurant Nuovo Antica Roma, Wittenbergplatz 5 da Pixabay