vaiolo

Era una delle malattie più mortali e contagiose conosciute dall’umanità. Il vaiolo ha ucciso oltre mezzo miliardo di persone solo nel 20° secolo, il triplo del numero di morti in tutte le guerre del secolo messe insieme.

È iniziato a farsi conoscere con sintomi simil-influenzali, passando a un’orrenda eruzione cutanea composta da piaghe profonde, piene di liquido che si sarebbe riempito di vesciche, trasudamenti, croste e lasciando cicatrici permanenti su coloro che avevano la fortuna di sopravvivere. Era estremamente contagioso e bastava poco perché infettasse uomini, donne e bambini.

Ma poi un miracolo: il medico britannico Edward Jenner creò un vaccino dopo aver notato che le cameriere del latte (le donne che mungevano le mucche) che erano state infettate dal “vaiolo delle mucche” non avevano mai contratto il vaiolo.

Questo mese segna il 270° compleanno del dottor Jenner, noto come il pioniere della vaccinazione che probabilmente ha salvato più vite di chiunque altro nella storia. Eppure, nonostante abbia salvato innumerevoli vite, ha dovuto ancora fare i conti con il primo movimento “anti-vaxx“.

 

Un tasso di mortalità del 30%

Molte persone sono troppo giovani per aver mai visto il vaiolo nella loro vita o hanno semplicemente dimenticato l’orrore puro della malattia.

Con un tasso di mortalità fino al 30%, molti sopravvissuti al vaioloconservano cicatrici significative e persino cecità. Il vaiolo non ha cura, ma ciò non ha impedito alle persone di provare alcuni trattamenti.

Owen Gower, esperto di vaccini e direttore del museo presso la Dr Jenner’s House, ha dichiarato che è difficile per molti di noi comprendere cosa si è ottenuto con la vaccinazione contro il vaiolo. “Ora è più importante che mai vedere il riconoscimento di Jenner. Fornisce un modello su come educare e rispondere alla disinformazione o alle preoccupazioni sulla vaccinazione. Jenner diceva pazientemente alle persone perché avrebbero dovuto vaccinarsi e come farlo. Ha anche fornito la vaccinazione gratuita a coloro che ne avevano più bisogno, aprendo la prima clinica di vaccinazione gratuita al mondo in un chiosco nel suo giardino“, ha raccontato Gower.

 

La storia di come il dottor Jenner ha creato il vaccino è affascinante

Secondo Gower, dobbiamo guardare a cosa stava succedendo nel 1500, quando le persone stavano manipolando il sistema immunitario del corpo per cercare di proteggersi dal vaiolo perché erano consapevoli del fatto che fosse improbabile che coloro che avevano contratto la malattia lo riprendessero.

Molte persone iniziarono a infettarsi deliberatamente con quella che era una piccola dose di vaiolo. Ciò è stato fatto grattando il fluido da una vescica di vaiolo nella pelle.

La tecnica fu introdotta in Inghilterra nel 1721 da Lady Mary Wortley Montagu e la chiamò inoculazione, o innesto, come l’aveva sentita descritta in Turchia. Successivamente divenne nota come variolizzazione ed è stata ampiamente praticata in Gran Bretagna fino a quando non è stata sostituita dall’inoculazione del vaccino di Jenner“, ha detto Gower.

Nelle zone rurali della Gran Bretagna, c’era una tradizione secondo cui anche coloro che avevano contratto il vaiolo bovino sarebbero stati al sicuro dal vaiolo. Il vaiolo bovino è una malattia che colpisce solitamente i bovini, ma potrebbe anche essere trasmessa a persone a stretto contatto con gli animali, causando sintomi lievi.

Jenner decise di applicare test scientifici alla leggenda del paese e iniziò a raccogliere prove di persone che avevano contratto il vaiolo bovino e poi esposte al vaiolo senza essere infettate. “Jenner ha aspettato finché non ha incontrato qualcuno con un’infezione da vaiolo bovino in modo da poter condurre un esperimento controllato. Nel 1796, Jenner fu avvicinata da Sarah Nelmes, una lattaia, che aveva preso il vaiolo bovino da una mucca di nome Blossom. Jenner graffiò il pus dalla vescica sulla mano sul braccio di James Phipps, un bambino di otto anni che non aveva mai contratto il vaiolo bovino o il vaiolo“, ha detto Gower. Phipps si ammalò leggermente di vaiolo bovino, ma presto si riprese completamente. Jenner ha quindi tentato di variolizzare Phipps, per esporlo al vaiolo, al fine di verificare se ora fosse immune o meno.

Come Jenner si era aspettato, e con grande sollievo di tutti, Phipps non contrasse il vaiolo. Nei due anni successivi, Jenner ha condotto l’esperimento su diversi argomenti prima di scrivere e pubblicare il suo lavoro“.

Jenner chiamò la nuova tecnica “inoculazione del vaccino“, successivamente abbreviata in “vaccinazione”, dal latino “vacca”, per vacca.

 

I primi anti-vaxxer

Da quando esiste la vaccinazione, esiste anche un movimento anti-vaccino. Si diceva che la comunità medica e scientifica britannica dei primi dell’Ottocento fosse dominata da persone altamente influenti. Questo significava che c’erano feroci rivalità personali.

L’inoculazione con il vaiolo, come misura preventiva, era stata introdotta solo relativamente di recente e molti dei principali medici ne ricavavano notevoli somme di denaro. Per gelosia e paura di perdere il proprio reddito, le persone hanno iniziato a tentare di screditare Jenner e il suo lavoro.

Molti degli argomenti contro la vaccinazione che vediamo oggi derivano da questo periodo: l’idea che Jenner non avesse qualifiche, che la vaccinazione potesse effettivamente causare il vaiolo, la sifilide o qualsiasi numero di malattie e che la vaccinazione avrebbe influenzato il modo in cui il corpo lavorava da l’introduzione di materiale che non doveva esserci. Il motivo per cui molte di queste affermazioni hanno pervaso è principalmente perché si basano sul più piccolo granello di verità che, se estrapolato dal contesto, può dare loro un’aria di veridicità che non è meritata“.

Anche se è vero che Jenner non aveva una qualifica formale, è bene considerare che si è formato come chirurgo in un momento in cui non c’erano lauree per chirurghi. Secondo Gower, nei primi anni della vaccinazione le persone a volte contraevano altre malattie infettive, o avvelenamento del sangue, a seguito della vaccinazione, ma questo perché all’epoca non era una procedura sterile e c’era il rischio di contaminazione, cosa che oggi non avviene.

C’erano anche argomenti religiosi, secondo i quali proteggere le persone dalle malattie in qualche modo indeboliva l’ordine naturale delle cose, insieme alle preoccupazioni che l’infezione con il vaiolo bovino ti avrebbe trasformato in una mucca“, racconta ancora Gower.

La foto iconica dei due ragazzi – uno vaccinato contro il vaiolo e uno che non era stato vaccinato – fu pubblicata nel 1901 e scattata dal dottor Allan Warner al Leicester Isolation Hospital. Il dottor Warner riteneva che il modo migliore per sfidare le paure e la disinformazione sulla vaccinazione fosse mostrare alle persone gli orrori della malattia e le prove evidenti della vaccinazione.

Ph. credit: The Jenner Trust