dispositivo-endovascolare

Un team di scienziati della Scuola Politecnica Federale di Losanna (EPFL), in Svizzera, ha sfruttato l’energia idrocinetica, l’energia meccanica derivante dal movimento dei liquidi, per raggiungere punti del corpo umano senza ricorrere a metodi invasivi.

Grandi proporzioni del cervello rimangono inaccessibili perché gli strumenti esistenti sono difficili da maneggiare ed esplorare il minuscolo e intricato sistema vascolare cerebrale senza causare danni ai tessuti è estremamente difficile“, ha detto Selman Sakar, della Scuola Politecnica Federale di Losanna.

Per porre rimedio al problema, il team di scienziati ha creato dispositivi microscopici che possono essere introdotti nei vasi sanguigni con una velocità e una facilità senza precedenti.

 

Come funzionano i dispositivi endovascolari

I dispositivi endovascolari miniaturizzati, che saranno molto utili nell’esplorazione del sistema vascolare cerebrale senza causare danni ai tessuti, hanno una punta magnetica e un corpo ultra flessibile realizzato con polimeri biocompatibili.

Immagina un amo gettato nel fiume, trasportato gradualmente dalla corrente. Teniamo semplicemente un’estremità del dispositivo e lasciamo che il sangue lo trascini verso i tessuti più periferici. Ruotiamo delicatamente la punta magnetica in biforcazioni per scegliere un percorso specifico”, ha spiegato uno dei ricercatori, Lucio Pancaldi, dottorando.

Nella stessa dichiarazione, lo scienziato ha osservato che la tecnologia “non mira a sostituire i cateteri convenzionali“, ma ad aumentare il potenziale del suo utilizzo.

Il dispositivo è controllato dal computer. “Possiamo immaginare un robot chirurgico che utilizza la mappa dettagliata del sistema vascolare fornito dalla risonanza magnetica del paziente e dalla tomografia computerizzata per guidare i dispositivi in ​​modo autonomo verso i siti di destinazione“, ha detto Sakar.

I ricercatori hanno testato il dispositivo in sistemi di microvascolatura artificiale e, nella fase successiva, intendono farlo negli animali.

Ph. credit: Archyde