cristoforo-colombo

Una ricerca, che combina il lavoro archeologico con i progressi della tecnologia genetica, suggerisce che i popoli dei Caraibi potrebbero essere stati conquistati e quasi spazzati via da persone in Sud America, almeno mille anni prima che Cristoforo Colombo arrivasse in America e avesse inizio la conquista spagnola nel 1492.

Il team di ricercatori ha analizzato i genomi del materiale genetico ottenuto dalle ossa di 174 individui provenienti da Bahamas, Haiti, Repubblica Dominicana, Porto Rico, Curaçao e Venezuela e lo ha confrontato con le analisi di 89 persone pubblicate in uno studio precedente.

I Caraibi pre-contatto sono divisi in tre epoche archeologiche. Le età litica e arcaica sono definite da diverse tecnologie di utensili in pietra e l’età della ceramica – iniziata circa 2.500 anni fa – è stata caratterizzata da un’economia agricola e da una produzione intensiva di ceramica.

I primi abitanti delle isole, un gruppo di utenti di strumenti di pietra, si recarono in barca a Cuba circa seimila anni fa, espandendosi gradualmente verso est, verso altre isole, durante l’età arcaica della regione“, ha spiegato William Keegan, archeologo del Florida Museum of Natural History.

Tra 2.500 e 3.000 anni fa, agricoltori e vasai di diversi popoli amerindi partirono in canoa al largo della costa nord-orientale del Sud America e arrivarono nelle isole dei Caraibi. “Il loro arrivo ha segnato l’inizio dell’era della ceramica nella regione, segnata dall’agricoltura e dalla vasta produzione e uso della ceramica“, ha detto Keegan. “Nel tempo, quasi tutti i tratti genetici delle persone dell’età arcaica sono scomparsi, ad eccezione di una ristretta comunità nella Cuba occidentale che persisteva fino all’arrivo degli europei“, ha aggiunto il ricercatore.

Il matrimonio tra i due gruppi era raro, visto che solo tre individui nello studio mostravano discendenza mista. Molti cubani, dominicani e portoricani oggi sono discendenti di persone dell’età della ceramica, così come immigrati europei e africani ridotti in schiavitù. Tuttavia, il team ha osservato solo prove marginali degli antenati dell’età arcaica negli individui moderni.

Durante l’Età della Ceramica, la ceramica ha subito almeno cinque marcati cambiamenti di stile nel corso di duemila anni. Alcuni archeologi hanno indicato queste transizioni come prova di nuove migrazioni verso le isole.

Tuttavia, il DNA racconta una storia diversa , suggerendo che tutti gli stili sono stati sviluppati da discendenti di persone arrivate nei Caraibi prima dell’Età della Ceramica. “Abbiamo documentato questa straordinaria continuità genetica in tutti i cambiamenti nello stile della ceramica. Abbiamo parlato di pentole vs. persone e, per quanto ne sappiamo, sono solo pentole“, ha detto Kendra Sirak, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di Genetica presso la Harvard Medical School e il Dipartimento di Biologia Evolutiva Umana dell’Università di Harvard.

 

I Caraibi prima dell’arrivo europeo

Gli scienziati hanno anche scoperto che circa 10.000-50.000 persone vivevano su due delle più grandi isole dei Caraibi, Hispaniola e Porto Rico, poco prima dell’arrivo degli europei. “Questo è molto al di sotto del milione di abitanti che [Cristoforo] Colombo ha descritto ai suoi clienti, probabilmente per impressionarli“, ha detto Keegan.

Lo storico del XVI secolo Bartolomé de las Casas disse che la regione ospitava tre milioni di persone prima di essere decimata dalla schiavitù e dalle malattie europee. “Anche se questa è anche un’esagerazione, il numero di persone che sono morte a causa della colonizzazione rimane un’atrocità“, ha affermato Reich. “Questo era un programma sistematico per la cancellazione culturale. Il fatto che il numero non fosse un milione o milioni di persone, ma decine di migliaia, non rende questa cancellazione meno significativa”.

Questo studio è stato pubblicato questo mese sulla rivista scientifica Nature.

Maria Campos, ZAP //