giraffa nanismo
Foto di Emma Wells via The New York Times

Con un’altezza media di circa 16 piedi, le giraffe sono i mammiferi più alti della Terra. A circa 6 piedi di lunghezza, le loro gambe allampanate e il collo imponente sono più alti della maggior parte degli umani. Anche la giraffa più corta è alta il doppio di un giocatore di basket professionista medio. Tuttavia Michael Brown, un ricercatore di scienze, si è imbattuto in una giraffa nubiana nel Parco Nazionale Murchison Falls in Uganda nel 2015 che era alta appena 9 piedi e 4 pollici. “La reazione iniziale è stata di incredulità”, ha riferito il dottor Brown.

Il collo della giraffa – soprannominata Gimli – era tipicamente lungo, ma le sue gambe no. Sembrava che qualcuno avesse messo la testa e il collo di una giraffa sul corpo di un cavallo. Poi, solo tre anni dopo, una giraffa angolana alta 8-1 / 2 piedi – soprannominata Nigel – è stata trovata a vivere in una fattoria privata nel centro della Namibia. Dopo aver misurato e analizzato le dimensioni delle due giraffe, i ricercatori hanno potuto trovare una sola spiegazione: il nanismo.

La condizione, nota anche come displasia scheletrica, colpisce la crescita ossea, spesso con conseguente bassa statura. Sebbene sia noto che si manifesti negli esseri umani e negli animali domestici come cani, mucche e maiali, il nanismo è osservato raramente tra gli animali selvatici e questa è la prima volta che è stato trovato nelle giraffe. La scoperta, annunciata in un articolo pubblicato il mese scorso sulla rivista BMC Research Notes, ha creato un’opportunità unica per gli scienziati di studiare gli effetti del nanismo sugli animali selvatici in libertà.

 

Il mistero del nanismo nelle giraffe

I ricercatori che hanno scoperto Gimli e Nigel hanno fotografato le creature ampiamente e hanno utilizzato tecniche di fotogrammetria digitale per misurare la lunghezza delle loro appendici. Dopo aver confrontato le dimensioni delle giraffe nane, entrambe maschi maturi, con quelle di età simile delle stesse popolazioni, hanno scoperto che i nani avevano zampe molto più corte; più specificamente, avevano un raggio molto più corto e ossa metacarpali.

Più della metà delle giraffe selvagge muore prima di raggiungere l’età adulta, quindi il fatto che sia Gimli che Nigel abbiano battuto le probabilità suggerisce che il loro nanismo non ha ostacolato la loro capacità di sopravvivere. Tuttavia, la loro altezza, o la loro mancanza, quasi certamente rende difficili molti aspetti della loro vita. La causa di questo nanismo rimane un mistero. Sebbene mutazioni casuali possano dare origine alla condizione, il nanismo negli animali in cattività è stato associato a consanguineità e mancanza di diversità genetica. Non è chiaro se questi fattori abbiano influenzato il nanismo di Gimli e Nigel.

Foto di Emma Wells via The New York Times