Covid-19 risposta immunitaria

Molti studi hanno affermato che il sistema immunitario ha una risposta consistente al Covid-19. Tuttavia ci sono ancora dubbi riguardo ciò; molte persone esposte al virus non sempre producono sufficienti dosi di anticorpi e molto spesso si è assistito a casi di reinfezione.

Non siamo sicuri per quanto tempo duri l’immunità o se sia correlata ai livelli di anticorpi o qualcos’altro: non ci sono state nemmeno grandi prove che gli anticorpi siano utili. Per risolvere tutto questo, esamineremo tre articoli pubblicati di recente che riguardano l’interazione tra il sistema immunitario e Covid-19. Uno fornisce infine alcune prove che gli anticorpi potrebbero essere protettivi, un altro indica che la riduzione della risposta infiammatoria potrebbe aiutare, mentre il terzo suggerisce che gli immunosoppressori non influenzano affatto gli esiti della malattia.

 

Covid-19, la risposta immunitaria non è cosi chiara

Gli anticorpi sono un modo semplice per monitorare una risposta immunitaria e sono stati utilizzati per questo durante tutta la pandemia. Tuttavia i primi studi hanno scoperto che il numero di anticorpi prodotti in risposta a un’infezione variava notevolmente tra i pazienti. Ci sono stati anche studi clinici che hanno testato se l’uso di anticorpi ottenuti da quelli precedentemente infetti potesse aiutare a trattare coloro che soffrono di sintomi Covid-19.

La cosa strana di questo trattamento è che non siamo sicuri che gli anticorpi siano effettivamente protettivi. Ulteriori prove di trattamenti con anticorpi per le persone infette hanno prodotto risultati ambigui, senza alcun beneficio dal ricevere un aumento di anticorpi. Mentre i livelli di immunità sembrano essere correlati ai livelli di anticorpi, non possiamo essere certi che i due non siano entrambi collegati a qualche altro aspetto della funzione immunitaria.

 

Gli anticorpi funzionano

Un nuovo studio suggerisce che gli anticorpi possono aiutare le persone con Covid-19, ma solo se un trattamento viene somministrato abbastanza presto. Criticamente, tutte le trasfusioni sono avvenute entro un paio di giorni dall’insorgenza dei sintomi. L’unico limite dello studio è che si è svolto mentre il numero dei casi era in calo, quindi è stato interrotto una volta che hanno avuto problemi a reclutare i pazienti.

I ricercatori osservano che coloro che hanno ricevuto trattamenti al plasma all’inizio tendevano a stare meglio, ma la popolazione complessiva trattata in diverse fasi dell’infezione non ha mostrato alcun effetto. Se questo si rivelasse giusto allora presenterebbe la prima chiara prova che gli anticorpi sono utili. Ciò potrebbe essere fondamentale non solo per il trattamento di coloro che vengono infettati, ma per monitorare l’immunità e monitorare il rischio in popolazioni con vari livelli di vaccinazione.

Definire attentamente la popolazione in trattamento, anziani appena sintomatici, in questo caso, può essere fondamentale per identificare un effetto chiaro, anche se può rendere più difficile trovare un numero sufficiente di pazienti per effettuare uno studio approfondito. Studi sulla genetica dei pazienti con Covid-19 avevano indicato che le variazioni in alcune molecole di segnalazione immunitaria erano associate alla gravità della malattia.

 

Il sistema immunitario è sopravvalutato

Tuttavia gli studi sui farmaci che hanno bloccato gli effetti di una molecola di segnalazione infiammatoria chiamata interleuchina-6 non hanno mostrato alcun effetto. I ricercatori sospettavano che ciò fosse dovuto al fatto che accettavano una vasta gamma di pazienti. Per restringere il campo, hanno iniziato i trattamenti con i bloccanti dell’interleuchina-6 quando i pazienti sono stati ammessi in terapia intensiva.

Il processo ha arruolato circa 800 persone, circa la metà delle quali serviva come controllo. Il resto ha ricevuto uno dei due diversi bloccanti infiammatori. Tra coloro che non hanno ricevuto un farmaco, il tasso di mortalità era di circa il 36%. Per coloro che sono stati trattati, tuttavia, la mortalità era del 27%. Potrebbe non essere un’enorme differenza, ma se regge, potrebbe fare una differenza significativa nella sopravvivenza a livello di popolazione.

Tutto ciò apparentemente metterebbe il sistema immunitario al centro dei risultati di Covid-19, il che non dovrebbe essere per niente sorprendente. I ricercatori hanno monitorato i risultati di oltre 2.000 casi di Covid-19 pervenuti attraverso il sistema medico Johns Hopkins a marzo. Oltre 100 stavano assumendo farmaci che li hanno resi immunocompromessi. E quando sono stati analizzati i risultati dei pazienti, non c’era una differenza evidente tra coloro che erano immunocompromessi e il resto della popolazione.

È importante sottolineare che “immunosoppresso” non significa “incapace di montare alcuna risposta immunitaria”. Tuttavia la risposta è generalmente piuttosto limitata. Se i risultati degli anticorpi resistono, indicano che possono fornirci non solo una terapia per coloro ad alto rischio di infezione grave, ma un modo semplice per monitorare chi potrebbe essere protetto in futuro.

Oltre a ciò il sistema immunitario ha molteplici aspetti e non sappiamo davvero quanti di questi siano completamente soppressi negli individui immunocompromessi. Inoltre, se in alcuni casi l’infiammazione si rivela dannosa, è possibile che alcune forme di immunosoppressione possano effettivamente essere utili.

Foto di Miguel Á. Padriñán da Pexels