Covid-19 saliva

Oltre i fattori ben noti del Covid-19 ne viene aggiunto un altro: alti livelli di virus nella saliva. Tuttavia diversi nuovi test cercano SARS-CoV-2 nella saliva, e il nuovo lavoro trova una sorprendente correlazione tra alti livelli di virus e successivi ricoveri o morte. I test della saliva potrebbero aiutare i medici a stabilire la priorità a quali pazienti dovrebbero essere somministrati farmaci.

Questo nuovo lavoro non è il primo a collegare il Covid-19 all’esito della malattia. Diversi gruppi di ricerca hanno trovato una correlazione tra alti livelli virali nei passaggi nasali al momento del ricovero ospedaliero di un paziente e la gravità ultima della malattia. Tuttavia altri gruppi non sono riusciti a trovare lo stesso collegamento.

 

Covid-19, la saliva aiuta a capire la gravità della malattia

Il test standard per rilevare il muco nasale di campioni di SARS-CoV-2 sono i tamponi nasofaringei. La procedura è spiacevole, ma è il modo consueto di campionare i patogeni respiratori. Negli ultimi mesi, tuttavia, diversi gruppi di ricerca hanno sviluppato e ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza per i test che rilevano la SARS-CoV-2 nella saliva.

I ricercatori della Yale University sono stati tra i primi ad utilizzare sia test della saliva che tampone NP. In entrambi i casi, i laboratori analizzano i campioni utilizzando test quantitativi che possono rilevare il materiale genetico da SARS-CoV-2 e quantificare il numero di particelle virali in ogni millilitro di campione.

I ricercatori hanno confrontato la carica virale nella saliva e nei tamponi NP di 154 pazienti e 109 persone senza il virus. Hanno diviso i pazienti in gruppi che avevano cariche virali basse, medie e alte come determinato da entrambi i tipi di test. Quindi hanno confrontato quei risultati con la gravità dei sintomi che i pazienti hanno sviluppato in seguito. I pazienti che hanno sviluppato una malattia grave, sono stati ricoverati in ospedale o sono morti avevano maggiori probabilità di avere alti carichi di virus nei loro test della saliva, ma non nei loro tamponi NP.

 

Test salivari più efficaci di quelli nasali

La carica virale sia nella saliva che nel muco nasale è diminuita nel tempo nei pazienti che si sono ripresi dalla malattia. Inoltre alte cariche virali di saliva erano correlate con le citochine e chemochine, molecole non specifiche che aumentano in risposta a infezioni virali e sono stati collegati a danni ai tessuti.

Le persone con più virus nella saliva avevano livelli più bassi di anticorpi ed erano più lenti a sviluppare la forte risposta immunitaria necessaria. La saliva può essere un migliore predittore rispetto al muco nasale perché quest’ultimo proviene dal tratto respiratorio superiore, mentre la malattia grave è associata a danni profondi nei polmoni.

I risultati non hanno abbastanza potere statistico per rivelare quanto sia più probabile che una persona con un’elevata carica virale della saliva sviluppi Covid-19 grave. Se altre ricerche confermano la scoperta, potrebbero eliminare gran parte della nebbia attorno a questa malattia. Se i test della saliva sono predittivi potrebbero aiutare i medici a identificare i pazienti da trattare precocemente per ridurre la carica virale o per reprimere le risposte immunitarie aspecifiche.

Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay