I megalodonti, famosi e ormai estinti squali giganti, procreavano cuccioli enormi che mangiavano i loro stessi fratelli nel grembo materno. I cuccioli che nascevano misuravano più di due metri. Il megalodonte è il più grande squalo predatore mai scoperto, oltre che qualcosa di misterioso.

Sappiamo che visse tra i 15 e i 3,6 milioni di anni fa e raggiunse almeno i 14 metri di lunghezza, più del doppio delle dimensioni di un grande squalo bianco adulto. Tuttavia, imparare qualcosa di più sullo squalo gigante richiede un po’ di lavoro da detective.

A causa del suo morbido scheletro cartilagineo, solo alcune parti del corpo dello squalo sono state mineralizzate e conservate, inclusi i denti, il cranio e la colonna vertebrale. Ciò significa che la documentazione fossile di questo animale è molto scarsa.

Non sorprende che i denti di 17 centimetri del predatore abbiano ricevuto molta attenzione dagli scienziati, ma in uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Historical Biology, un team di ricercatori ha cercato indizi altrove.

Esaminando la colonna vertebrale del megalodonte ormai estinto, il team ha scoperto che ha dato alla luce esemplari lunghi due metri. Il modo esatto in cui i cuccioli diventavano così grandi era probabilmente dovuto al cannibalismo, visto che mangiavano i loro fratelli nel grembo materno.

 

Segreti nella colonna

Come gli esseri umani, gli squali hanno una colonna vertebrale composta da molti componenti chiamati vertebre, che crescono con l’invecchiamento dell’animale. I ricercatori hanno misurato la vertebra di un megalodonte dell’era miocenica, che è durata da cinque a 23 milioni di anni fa.

Confrontando la colonna con quella dei moderni squali bianchi, il team ha stimato che il megalodonte in questione era lungo circa nove metri quando era vivo, ma non si è fermato nel crescere. Gli squali depositano anelli di tessuto duro sulle loro vertebre ogni anno e, come il tronco di un albero, possono essere usati per stimare l’età.

Per contare questi anelli, gli scienziati dovrebbero tagliare il fossile, danneggiandolo per sempre. La soluzione è stata quella di utilizzare una tecnica a raggi X per studiare le strutture interne, senza arrecare alcun danno all’inestimabile esemplare, rivelando che questo squalo è morto a 46 anni.

Guardando attraverso gli strati, il team ha potuto vedere le dimensioni di quella vertebra quando è nato lo squalo. Sorprendentemente, la stima delle dimensioni nel primo anello di crescita implica che lo squalo era di due metri alla nascita, il che significa che era più grande di un essere umano adulto.

Alcuni squali depongono le uova, mentre altri danno alla luce piccoli. Nella maggior parte degli squali, tuttavia, le uova si schiudono all’interno della madre, dove si nutrono dei liquidi fino a quando non sono completamente formati.

L’enorme dimensione stimata alla nascita per questo particolare megalodonte fornisce una forte evidenza che questa specie aveva la stessa modalità riproduttiva. L’oscuro segreto del megalodonte è che, per raggiungere queste dimensioni nell’utero, il cucciolo in grembo in via di sviluppo deve aver mangiato (molto).

 

Mangiando i fratelli

Questo nuovo studio sostiene che è molto probabile che la crescita dei bambini sia stata alimentata dal cannibalismo dei fratelli. Non si sa esattamente quanti embrioni di megalodonte siano stati prodotti. Oggi, sugli squali elefante, vengono allevate milioni di uova e inviate per la fecondazione. Gli embrioni nati iniziano a mangiare le uova e, in alcuni casi, come lo squalo toro, mangiano anche altri embrioni. Gli squali possono portare uno o più esemplari nel grembo, quindi è probabile che siano nati almeno due megalodonti alla volta.

Questo triste meccanismo di sopravvivenza non è unico, poiché altri squali utilizzano questa strategia, che esiste da almeno 70 milioni di anni. Questo studio stima anche prudentemente che l’aspettativa di vita della specie sia di 88-100 anni. Questo va contro l’età stimata per gli squali balena e gli squali bianchi, essendo inferiore al record di squali di 500 anni della Groenlandia.

Photo by 小谢 on Unsplash