droni internet quantistico

L’internet quantistico potrebbe arrivare attraverso l’utilizzo di droni. Gli scienziati sono infatti riusciti ad usare i droni per trasmettere particelle di luce, o fotoni, che condividono il collegamento quantistico chiamato “entanglement quantistico”. I fotoni sono stati inviati in due località a un chilometro di distanza, i ricercatori della Nanjing University in Cina riferiscono in uno studio che verrà pubblicato su Physical Review Letters.

Le particelle quantistiche impigliate possono mantenere le loro proprietà interconnesse anche se separate da lunghe distanze. Tale comportamento controintuitivo può essere sfruttato per consentire nuovi tipi di comunicazione. Alla fine, gli scienziati mirano a costruire un internet quantistico globale che si basi sulla trasmissione di particelle quantistiche per consentire comunicazioni ultrasicure utilizzando le particelle per creare codici segreti per crittografare i messaggi. Un’internet quantistico potrebbe anche consentire a computer quantistici distanti di lavorare insieme o eseguire esperimenti che testano i limiti della fisica quantistica.

 

Droni e reti quantistiche sono il futuro

Le reti quantistiche realizzate con cavi in ​​fibra ottica stanno già iniziando ad essere utilizzate. Un satellite quantistico può trasmettere fotoni in tutta la Cina. I droni potrebbero servire come un’altra tecnologia per tali reti, con i vantaggi di essere facilmente spostabili e relativamente veloci ed economici da implementare.

I ricercatori hanno utilizzato due droni per trasmettere i fotoni. Un drone ha creato coppie di particelle intrappolate, inviando una particella a una stazione a terra mentre trasmetteva l’altra al secondo drone. Quella macchina ha poi trasmesso la particella ricevuta a una seconda stazione di terra a un chilometro di distanza dalla prima. In futuro, flotte di droni potrebbero collaborare per inviare particelle impigliate a destinatari in una varietà di luoghi.

Foto di DJI-Agras da Pixabay