chiaroudente

Gli scienziati hanno identificato i tratti che potrebbero rendere le persone più inclini a sostenere di “sentire” i morti. Un nuovo studio suggerisce che i chiaroudienti hanno alcuni tratti in comune, inclusa la suscettibilità alle allucinazioni uditive e alle esperienze infantili. I ricercatori affermano che i risultati dello studio hanno un grande valore per comprendere le allucinazioni uditive a volte traumatiche che possono accompagnare problemi di salute mentale.

Le affermazioni di spiritualisti, medium e sensitivi incontrano sia lo scetticismo dovuto alla mancanza di prove, sia la genuina curiosità sul motivo per cui qualcuno affermerebbe di poter ascoltare, contattare o conversare con chi non è più vivente. 12 medium autoproclamati disposti a essere messi alla prova hanno effettivamente ottenuto risultati peggiori rispetto al gruppo di controllo nei tentativi di contattare i morti.

 

Il chiaroudente ha tratti fisici comuni

L’obiettivo di questo studio è esplorare il motivo per cui alcune persone con queste esperienze uditive hanno maggiori probabilità di adottare credenze spiritualiste e impegnarsi nella cosiddetta pratica di “ascoltare” i morti, mentre altri che trovano l’esperienza più angosciante potrebbero ricevere una diagnosi di salute mentale.

Gli spiritualisti tendono a segnalare esperienze uditive insolite che sono positive, iniziano presto nella vita e che spesso sono poi in grado di controllare. Capire come si sviluppano è importante perché potrebbe aiutarci a capire di più anche sulle esperienze angoscianti o non controllabili dell’udito delle voci. I ricercatori hanno raccolto descrizioni dettagliate dai medium su come sperimentano queste “voci” e hanno confrontato i livelli di assorbimento, propensione alle allucinazioni, aspetti della loro identità e credenza nel paranormale.

Hanno scoperto che degli spiritualisti autoproclamati, il 44,6% ha affermato di sentire le voci degli spiriti ogni giorno, e sebbene queste voci fossero ascoltate principalmente nella propria testa, il 31,7% ha riferito di aver sperimentato voci spirituali provenienti sia dall’interno che dall’esterno della testa.

 

Spiritualismo o credenze sul paranormale?

Gli spiritualisti avevano maggiori probabilità di riferire una credenza nel paranormale e meno probabilità di preoccuparsi di ciò che la gente pensava di loro. La maggior parte di loro ha sperimentato per la prima volta la voce quando era giovane, in media 21,7 anni. Hanno riportato un più alto livello di assorbimento, un termine usato per descrivere l’immersione totale nei compiti mentali e quanto sia efficace qualcuno nel disconnettere il mondo “esterno”. Hanno anche riferito di essere più inclini a esperienze uditive insolite simili a allucinazioni.

Ciò che questi risultati suggeriscono, dicono i ricercatori, è che affermare di poter sentire le voci degli spiriti defunti è improbabile che sia meno suggestionabile a causa del credere nel paranormale. Invece, le persone che adottano lo spiritualismo hanno maggiori probabilità di essere predisposte all’assorbimento e di aver vissuto esperienze uditive insolite da giovani, e le convinzioni dello spiritualismo sono in linea con la loro esperienza.

Tuttavia queste esperienze possono derivare più dall’avere certe tendenze o abilità precoci che dal credere semplicemente nella possibilità di contattare i morti se ci si sforza abbastanza.

Foto di Stefan Keller da Pixabay