pesticida sonno api

Stiamo tutti meglio dopo una notte di sonno decente e gli insetti non sono diversi da noi. Ma due nuovi studi hanno scoperto che un pesticida comunemente usato sta disturbando il sonno di api e mosche, con grandi conseguenze per gli insetti importanti. In uno studio, i ricercatori hanno esaminato l’effetto dei pesticidi sul comportamento dei bombi dando alle creature zucchero di nettare intrecciato con neonicotinoidi – uno dei pesticidi più comunemente usati – e quindi monitorando i loro movimenti in un’arena di foraggiamento. L’impatto del pesticida, simile alla quantità che un’ape avrebbe incontrato in natura, è stato netto.

“Sembra che interrompa l’orologio biologico nel foraggiare i bombi: si nutrono molto meno, più di quel foraggiamento avviene di notte e dormono molto di più durante il giorno. Sta causando una confusione dei loro normali comportamenti”, ha riferito Kiah Tasman, professore associato presso la Scuola di Fisiologia, Farmacologia e Neuroscienze dell’Università di Bristol. Questo, ha spiegato, potrebbe avere gravi implicazioni: “È abbastanza preoccupante perché altri studi e i nostri studi dimostrano che la motivazione per il foraggiamento è diminuita”.

 

La nostra alimentazione e quella del nostro bestiame dipende dalle api

Molte piante, compresa la frutta e la verdura che mangiamo e diamo al nostro bestiame, fanno affidamento sugli impollinatori, come le api, per riprodursi. Quasi il 90% delle piante selvatiche e il 75% delle principali colture mondiali dipendono dall’impollinazione degli animali, come osserva il World Wildlife Fund. Le api assumono una parte importante di questo carico di lavoro: gli impollinatori, il più delle volte api da miele, sono responsabili di un morso su tre di cibo che assumiamo, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, e aumentano i valori delle colture negli Stati Uniti di oltre $ 15 miliardi ogni anno.

Ma le api e altri impollinatori sono minacciati a causa dell’uso diffuso di pesticidi, della perdita di habitat, della crisi climatica e dei parassiti, tanto che le probabilità di avvistare il laborioso bombo in Europa e in America sono diminuite di oltre il 30% rispetto al secolo scorso. Tasman ha avvertito che le api ora sono “piuttosto lente e comunque escono meno spesso”. “Se il momento in cui riescono a uscire a cercare cibo è di notte quando i fiori non sono disponibili, ridurrà enormemente il loro successo nel raccogliere il cibo di cui la colonia ha bisogno per crescere e riprodursi”, ha riferito Tasman, autore principale degli studi.

Potrebbe anche influenzare il modo in cui le api sono in grado di prendersi cura dei loro piccoli, ha detto. Nel frattempo, è già stato scoperto che gli stessi pesticidi danneggiano anche il cervello delle api più piccole.

 

Anche le mosche influenzate dal pesticida

In un secondo studio, i ricercatori hanno concentrato la loro attenzione anche sulle mosche, esponendole di nuovo ai neonicotinoidi e quindi utilizzando i raggi infrarossi per monitorare come questo movimento ha influenzato. I risultati hanno mostrato che il pesticida agiva direttamente sulle cellule del cervello che fanno funzionare l’orologio biologico, che decidono quando il sonno e l’attività si svolgono durante il giorno, confondendole.

“Sembra che questi pesticidi congelino queste cellule in una forma diurna, quindi il corpo non sa se è giorno o notte”, ha riferito Tasman, aggiungendo che è molto probabile che lo stesso tipo di meccanismo che accade nelle mosche stia accadendo anche nelle api. I ricercatori affermano che i loro studi possono aiutarci a capire meglio come questi pesticidi stanno influenzando gli insetti vulnerabili. “Ci fornisce anche suggerimenti su ciò che potremmo indagare se dovessimo produrre più pesticidi specifici per i parassiti – se capiamo esattamente come agiscono sugli insetti, forse possiamo crearne alcuni che funzionano solo sui parassiti”, ha aggiunto Tasman.

Foto di katja da Pixabay