Covid-19 fuga immunitaria

Le varianti emergenti del Covid-19 sono state nelle prime pagine da quando gli scienziati hanno lanciato l’allarme su B.1.1.7, una variante SARS-CoV-2 che per prima ha attirato l’attenzione degli scienziati in Inghilterra e che è più trasmissibile dei virus circolanti in precedenza. Tuttavia ora si stanno concentrando su nuove varianti che potrebbero mettere fine alla risposta immunitaria umana.

Tali “fughe immunitarie” potrebbero significare che più persone che hanno avuto Covid-19 rimangono suscettibili alla reinfezione e che i vaccini provati potrebbero, a un certo punto, aver bisogno di un aggiornamento. L’OMS ha anche convocato il suo Comitato di emergenza Covid-19 per discutere l’impatto delle nuove varianti e le restrizioni di viaggio che molti paesi stanno imponendo per contenerle.

 

Covid-19, le mutazioni del virus evidenziano la fuga immunitaria

La variante più trasmissibile si sta già diffondendo rapidamente nel Regno Unito, Irlanda e Danimarca, e probabilmente in molti altri paesi. Tuttavia gli scienziati sono altrettanto preoccupati per una variante rilevata in Sud Africa. Alcune delle mutazioni che trasporta modificano la sua proteina di superficie, aumentano il picco e in laboratorio hanno dimostrato di ridurre l’efficacia degli antiicorpi monoclonali nel combattere il virus.

Jesse Bloom, un biologo evoluzionista ha dimostrato che E484K ha anche ridotto di 10 volte la potenza dei sieri di convalescenza di alcuni donatori, sebbene sia pronto ad aggiungere che questo non significa necessariamente la mutazione farebbe diminuire di 10 volte l’immunità delle persone al nuovo ceppo. P.1, una variante, si aggiunge alle preoccupazioni perché sembra aver colpito una simile costellazione di mutazioni ed è emerso in un luogo con un alto livello di immunità. “Ogni volta che vedi le stesse mutazioni sorgere e iniziare a diffondersi più volte, in diversi ceppi virali in tutto il mondo, questa è una prova davvero forte che c’è un vantaggio evolutivo in quelle mutazioni“, dice Bloom.

Come queste nuove varianti stiano influenzando il corso della pandemia non è chiaro. In Brasile, ad esempio, P.1 potrebbe non avere nulla a che fare con la nuova ondata di infezioni; L’immunità delle persone potrebbe semplicemente diminuire. Oppure potrebbe guidare la spinta perché viene trasmessa più facilmente, come B.1.1.7, non perché può eludere la risposta immunitaria.

 

Può resistere hai vaccini?

Allo stesso modo i ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine hanno calcolato che la variante del Sud Africa potrebbe essere il 50% più trasmissibile ma non migliore per eludere l’immunità, o altrettanto trasmissibile come le varianti precedenti ma in grado di eludere immunità in una persona su cinque precedentemente infettata. Le interazioni tra le nuove mutazioni possono rendere più difficile scoprire i loro effetti. Le varianti del Regno Unito, del Sud Africa e del Brasile condividono tutte una mutazione chiamata N501Y.

Tuttavia la mutazione, che colpisce la proteina spike, si verifica anche in alcune varianti che non si diffondono più velocemente, suggerendo che N501Y non funziona da solo. Nessuno dei cambiamenti può permettere al virus di sfuggire completamente alla risposta immunitaria. Tuttavia dobbiamo aspettarci che quei virus abbiano qualche vantaggio quando gran parte della popolazione ha l’immunità, il che potrebbe aiutare a spiegare l’ondata brasiliana.

Per ora il virus non sembra essere diventato resistente ai vaccini Covid-19, afferma il vaccinologo Philip Krause, che presiede un gruppo di lavoro dell’OMS sui vaccini Covid-19. Questa possibilità si aggiunge all’urgenza di mettere in atto una buona sorveglianza per rilevare tempestivamente tali varianti di fuga.

Foto di Pete Linforth da Pixabay