pesce benefici

Negli anni ’70, un team di ricercatori danesi pubblicò uno studio in cui affermava che la popolazione Innuit che viveva sulla costa della Groenlandia aveva livelli inferiori di malattie cardiache e diabete rispetto ai residenti in Danimarca. Il duo ha attribuito questi migliori risultati di salute a una dieta indigena ricca di pesce.

Decenni dopo, centinaia di studi avviati da questo documento iniziale hanno in gran parte concluso qualcosa di simile: il pesce fa bene. I risultati spiegano, in parte, perché le attuali linee guida dietetiche statunitensi suggeriscono che gli adulti debbano consumare almeno due porzioni di frutti di mare a settimana. Ma il vantaggio di mangiare pesce, suggeriscono le prove, ha più a che fare con l’intero pasto che con qualche ingrediente miracoloso che appare nel piatto.

 

I benefici nutrizionali del pesce

Quando le agenzie dietetiche forniscono raccomandazioni nutrizionali, traggono prove per i loro suggerimenti da studi a lungo termine che tracciano gruppi di persone, le loro abitudini alimentari e che tipo di risultati di salute hanno gli individui. Questo tipo di ricerca è chiamato studio osservazionale: gli scienziati tengono traccia delle scelte delle persone e di ciò con cui si occupano nella vita, ad esempio se i partecipanti sviluppano malattie cardiache, si ammalano di cancro o muoiono prematuramente.

Studi su larga scala hanno associato il consumo di pesce a minori rischi di attacchi di cuore, insufficienza cardiaca, ictus e cancro al fegato. Ad esempio, uno studio che ha valutato i risultati di molti di questi progetti a lungo termine ha rilevato che le persone che mangiavano pesce una volta alla settimana avevano il 15% in meno di probabilità di morire di malattie cardiovascolari. Ma esattamente perché le persone che mangiano pesce se la passano meglio non è ancora del tutto chiaro.

Le aziende di nutrizione spesso fatturano un particolare nutriente che è abbondante in alcune varietà di frutti di mare come una sorta di fattore dietetico superpotente: gli acidi grassi omega-3. Questi grassi sono fondamentali per una serie di funzioni cellulari e poiché il nostro corpo non può produrli, dobbiamo trovare fonti nutrizionali. Dei tre tipi principali di omega-3, uno si trova comunemente nelle noci, nei semi di lino e nell’olio di soia; le altre due versioni si presentano nel pesce azzurro come salmone, sardine e tonno.

 

Non solo omega-3, i vantaggi e gli svantaggi di mangiare pesce

Le prove scientifiche potrebbero supportare i benefici per la salute del cuore del pesce – non solo gli omega-3 – perché fare spazio alle proteine ​​acquatiche nel piatto impone anche altri cambiamenti nella dieta. Bistecca, pancetta e proteine ​​simili sono ricchi di grassi saturi che aumentano i livelli di colesterolo e contribuiscono alle malattie cardiache. Molti americani consumano troppi di quei grassi nocivi e mangiare pesce due volte a settimana potrebbe significare che qualcuno sta effettivamente eliminando alcuni grassi saturi dalla loro dieta e sostituendoli con opzioni più salutari per il cuore.

C’è anche la possibilità che coloro che mangiano pesce stiano facendo scelte più sane in generale, come avere più frutta e verdura e meno cereali trasformati. Ancora una volta, gli studi a lungo termine che aiutano a definire le linee guida dietetiche non determinano ciò che i partecipanti mangiano: i ricercatori si limitano a tenere traccia e valutare i risultati. Mentre gli studi cercano di controllare altri fattori che influenzano l’analisi dei dati, la tendenza a mangiare in modo più sano in generale potrebbe spiegare alcuni dei motivi per cui il consumo di pesce è una scelta positiva.

Mentre il pesce può sostituire altri grassi nocivi nella dieta di qualcuno e potrebbe incoraggiare abitudini alimentari più sane, può anche avere degli svantaggi, ovvero le tossine ambientali che le creature marine assorbono. Mercurio e sostanze chimiche come i bifenili policlorurati, inquinanti che filtrano dal suolo nei sistemi idrici, si accumulano nel tessuto dei pesci e non possono essere cotti o rimossi. In generale, la FDA raccomanda che alcune persone siano più esigenti riguardo al pesce che mangiano, in particolare le donne incinte, quelle che potrebbero rimanere incinte e i bambini piccoli. L’agenzia consiglia a questi gruppi di selezionare opzioni a basso contenuto di mercurio, poiché le fonti alimentari della neurotossina possono causare problemi di sviluppo.

Foto di Shutterbug75 da Pixabay