grassi trans

In una mossa significativa per la fine degli oli idrogenati e del burro chiarificato, l’India ha introdotto regolamenti per limitare i grassi trans in oli e grassi. La FSSAI ha pubblicato linee guida per limitare i grassi trans al 3% entro il 2021 e al 2% entro il 2023. La riduzione dall’attuale limite consentito del 5% viene effettuata mediante un emendamento ai regolamenti sulla sicurezza alimentare e sugli standard.

Il regolamento arriva sulla scia della richiesta dell’Organizzazione mondiale della sanità per l’eliminazione dei grassi trans a livello globale entro il 2023. Ciò mira anche a ridurre l’incidenza dei disturbi cardiaci nel paese, con un decesso su quattro in India a causa di malattie cardiache. Ciò diventa ancora più vitale alla luce della pandemia COVID-19 che ha visto la maggior parte dei decessi in pazienti che avevano comorbilità, inclusi disturbi cardiaci.

 

Quanto sono pericolosi i grassi trans?

I più malsani tra tutti i grassi, questi grassi aumentano i livelli di colesterolo cattivo (LDL) nel corpo mentre abbassano i livelli di colesterolo buono (HDL). Sono disponibili sia in forme naturali che artificiali. Sebbene una quantità limitata possa essere presente naturalmente in alcuni prodotti alimentari come carne e latticini, cibi fritti e cibi lavorati e cotti al forno come torte, biscotti, alcuni popcorn confezionati e patatine, contengono grassi trans prodotti industrialmente.

I maggiori colpevoli sono gli oli parzialmente idrogenati. L’idrogenazione è il processo di aggiunta di idrogeno all’olio per renderlo più denso e per aumentarne la durata. In India a volte viene utilizzato come alternativa più economica al ghee e al burro. Furono scoperte nel 1901. I PHO sotto forma di margarina e accorciamento sono promossi e utilizzati a lungo poiché più salutari ai grassi saturi.

La Danimarca è diventata il primo paese a vietare i grassi trans negli alimenti nel 2003. Da allora sono seguiti paesi come Norvegia, Sud Africa, Singapore, Austria, Ungheria ed Ecuador. L’India ha trovato difficile regolamentare i grassi trans negli alimenti, a causa delle pressioni dell’industria alimentare. Nel 2011, l’India ha stabilito per la prima volta il regolamento per limitare i grassi trans al 10% negli oli e nei grassi. Nel 2015, è ridotto al 5% e nel 2019, la FSSAI ha proposto la bozza per limitare i grassi trans negli alimenti a non più del 2%.

 

Pericoli di questi grassi

Insieme ai grassi trans, è anche una buona idea limitare l’assunzione di grassi saturi. Questi grassi si trovano principalmente nella carne, pollame, latticini, oli come cocco e olio di palma e in molti alimenti trasformati.

Sebbene nuovi studi abbiano affermato che potrebbe non essere una buona idea interromperne completamente l’assunzione, è consigliabile limitare i grassi saturi a non più di 25 g al giorno. L’eccessiva assunzione di grassi saturi è collegata ad un aumento dei livelli di colesterolo nel sangue.

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay