Covid-19 feto anticorpi

Gli anticorpi di derivazione materna sono un elemento chiave dell’immunità neonatale. Comprendere la dinamica delle risposte anticorpali materne all’infezione da Covid-19 durante la gravidanza e il successivo trasferimento di anticorpi transplacentare può informare la gestione neonatale e le strategie di vaccinazione materna.

Lo studio suggerisce che le donne non solo trasferiscono gli anticorpi ai loro feti, ma trasferiscono anche più anticorpi ai loro bambini se vengono infettati in precedenza nelle loro gravidanze. Le concentrazioni di anticorpi nel sangue del cordone ombelicale erano correlate alle concentrazioni di anticorpi materni e alla durata tra l’inizio dell’infezione e il parto. I risultati dimostrano il potenziale per gli anticorpi specifici Covid-19 di derivazione materna per fornire protezione neonatale dalla malattia.

 

Covid-19, le donne in gravidanza possono trasmettere gli anticorpi al feto

La protezione del neonato dall’infezione dipende principalmente dalle risposte immunitarie innate neonatali e dagli anticorpi acquisiti per via transplacentare dalla madre. La misura in cui gli anticorpi materni prodotti in risposta alla sindrome respiratoria acuta grave durante la gravidanza attraversano la placenta è importante per comprendere la potenziale protezione neonatale e per sviluppare un’appropriata strategie di vaccinazione quando i vaccini efficaci sono ampiamente disponibili.

Tra i 1293 campioni raccolti da aprile a giugno 2020, hanno scoperto che 80 donne partorienti possedevano anticorpi IgG e / o IgM specifici per Covid-19 a un livello superiore al fondo del test. Hanno osservato differenze di razza, etnia nella sieroprevalenza, con tassi più elevati nelle donne di colore. Lo studio utilizza questo test per testare i sieri di donne partorienti e il sangue del cordone ombelicale raccolti da aprile ad agosto 2020, in uno dei nostri centri di nascita per misurare l’incidenza, l’efficienza.

 

Si fanno strada nel cordone ombelicale

I rapporti di trasferimento non erano differenti tra i bambini nati da madri con malattia asintomatica o sintomatica. Escludendo le donne asintomatiche la cui insorgenza di esposizione o infezione non può essere determinata in modo affidabile, hanno utilizzato la tempistica del test virale indotto dai sintomi come surrogato dell’insorgenza dell’infezione. 3Di maggiore preoccupazione è la possibilità che i neonati vengano infettati dopo la nascita da madri contagiose o altri contatti familiari. Hanno trovato un trasferimento efficiente di anticorpi IgG da donne che erano malate e una correlazione positiva tra le concentrazioni di anticorpi materni e del cordone ombelicale.

Quando i vaccini sono ampiamente disponibili, il momento ottimale per la vaccinazione materna durante la gravidanza dovrà considerare i fattori materni e fetali, compreso il tempo necessario per garantire la protezione neonatale. La maggior parte delle donne nello studio che erano asintomatiche, con tempi incerti di esposizione virale.

I risultati dimostrano il potenziale per gli anticorpi di origine materna di fornire protezione neonatale dall’infezione e aiuteranno a informare sia le linee guida per la gestione neonatale che la progettazione di sperimentazioni sui vaccini durante la gravidanza. Sono necessari ulteriori studi per determinare se gli anticorpi SARS-CoV-2 sono protettivi contro le infezioni neonatali; in caso affermativo, a quale concentrazione; e se la cinetica transplacentare degli anticorpi indotti dal vaccino è simile a quella degli anticorpi acquisiti naturalmente.

Foto di lisa runnels da Pixabay